Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DA NUOVE TECNOLOGIE

EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DA NUOVE TECNOLOGIE
Dicembre 17
11:08 2019

Si è tenuta il 23 novembre 2019 a Monte Compatri, presso il Tinello Borghese, la conferenza pubblica “EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DA NUOVE TECNOLOGIE”. Organizzata Da STOP 5G MONTE COMPATRI e da Monte Porzio Catone COMITATO ONLUS di Vigilanza per la Salvaguardia e la Tutela dell’Ambiente, oggetto della conferenza è stato l’inquinamento elettromagnetico da radiazioni non ionizzanti (energia non sufficiente per ionizzare molecole o atomi, ossia aggiunta o allontanamento di elettroni dall’atomo) dipeso dalle tecnologie di origine antropica (trasformazione dell’ambiente da parte dell’uomo). Dall’incontro è emerso che la radiazione elettromagnetica con la tecnologia è aumentata in maniera “esponenziale” dove studi hanno attestato effetti biologici con aumento di patologie. La normativa italiana (l.n. 36/2001, D. lgs. n. 259/2003, DPCM 8 luglio 2003, l.n.221/2012, ecc.) sull’esposizione (condizione persona soggetta a campi elettrici, magnetici, elettromagnetici o correnti di contatto di origine artificiale) a impianti che generano campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici prevede i limiti di esposizione (valore di campo come valore di immissione definito per la tutela della salute che non deve essere superato) tra 20 e 60 V/m (intensità di campo elettrico), il valore di attenzione (valore di campo come valore di immissione che non deve essere superato in determinati luoghi) e l’obiettivo di qualità (valori di campo, criteri localizzativi, standard urbanistici, prescrizioni, incentivazioni per utilizzo tecnologie) a 6 V/m (intensità di campo elettrico), stabilendo che sono valori efficaci, che non devono essere superati, calcolati su campi elettromagnetici con intervallo di frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz (considerata alta frequenza) in riferimento all’esposizione dell’uomo, dove se rilevati, a titolo di cautela da possibili effetti a lungo termine, all’interno di edifici e pertinenze, la permanenza non è inferiore a quattro ore giornaliere, mediati su qualsiasi intervallo di sei minuti come i valori misurati all’aperto su aree molto frequentate; mentre i valori al comma 10 lettera a) l.n.221/2012 in una media di 24H come i valori di immissione misurati all’aperto (il DPCM 8 luglio 2003 riporta l’allegato B indicante i limiti oltreché dell’Intensità di campo elettrico E, anche quelli dell’Intensità di campo Magnetico H e Densità di Potenza D). E’ stata riportata la “massima” della sentenza n. 17438/2012 della Corte di Cassazione che ha riconosciuto il nesso causale tra tumori al cervello ed esposizione a CEM prodotti da CELL. come “malattia professionale”. E’ emerso anche che vari studi effettuati da ricercatori hanno dato risposte contraddicenti in merito all’impatto delle radiazioni elettromagnetiche sula salute. La banda di frequenza riporta la frequenza dell’onda: più diminuisce la lunghezza dell’onda, più le onde sono maggiori e portatrici d’informazioni, dove la radioattività emerge quando le onde elettromagnetiche superano una certa frequenza divenendo cancerogene. L’impatto del 5G (tecnologia mobile di quinta generazione, velocità, onde millimetriche…) è la creazione di un campo elettromagnetico (in generale, il campo elettromagnetico è costituito dalla combinazione del campo elettrico e del campo magnetico che s’irradia nello spazio tramite onde elettromagnetiche) che comporta più frequenza, maggior energia onde portanti, più informazioni al secondo e più ci si avvicina alle onde-limiti ionizzanti, maggiore l’interazione con la materia biologica, dove le radiazioni penetrano la pelle producendo effetti termici (riscaldano il tessuto) ed effetti biologici da segnale, minore deve essere l’esposizione. Gli elementi costitutivi della questione sono pertanto: potenza, frequenza, modulazione, tempo di esposizione.  Emerso che “i soggetti più esposti sono i bambini”. La sperimentazione 5G pertanto è stata vista come negativa dove la tecnologia passa anche per un aumento di antenne/antennine, piccoli ripetitori a portata ridotta, tecnologia a fascio verso il dispositivo e onde a “altissima frequenza” per “connettere” i dispositivi contemporaneamente. Etica, tecnologia, conflitto d’interessi, azione precauzionale, accorgimenti, moderazione, elettrosensibilità, salute, danni gravi, utilità e no dipendenza nell’utilizzo della tecnologia (es. cellulari), radiazioni elettromagnetiche, elettrosmog “in un’epoca in cui il virtuale si sta sostituendo al reale”. Alcune domande sono emerse: introdurre nelle classi il digitale? Il riconoscimento facciale? Esiste una normativa per i cellulari? Gli alberi ostacolano il 5G? La tutela della Natura? L’incremento della spesa sanitaria? Attualmente la tecnologia è in fase di studio. L’ARPA (Agenzia Regionale Protezione Ambiente del Lazio) svolge attività di controllo “sulle sorgenti di campi elettromagnetici e valutazione preventiva per gli impianti non ancora esistentiaccertamento della conformità dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni ai campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici attraverso rilievi strumentali”; mentre La violazione dei limiti come del piano di risanamento comporta sanzioni amministrative irrogate dalla Regione. La l.n. 36/2001 (Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici), all’Art. 1 (Finalità della legge), stabilisce che la legge “ha lo scopo di dettare i principi fondamentali diretti a: a) assicurare la tutela della salute dei lavoratori, delle lavoratrici e della popolazione dagli effetti dell’esposizione a determinati livelli di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici ai sensi e nel rispetto dell’articolo 32 della Costituzione; b) promuovere la ricerca scientifica per la valutazione degli effetti a lungo termine e attivare misure di cautela da adottare in applicazione del principio di precauzione di cui all’articolo 174, paragrafo 2, del trattato istitutivo dell’unione europea; c) assicurare la tutela dell’ambiente e del paesaggio e promuovere l’innovazione tecnologica e le azioni di risanamento volte a minimizzare l’intensità e gli effetti dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici secondo le migliori tecnologie disponibili.” Sempre la stessa legge prevede la “promozione di attività di ricerca”, il “catasto nazionale delle sorgenti fisse e mobili” che opera “in coordinamento con i catasti regionali”, i “criteri di elaborazione dei piani di risanamento” (adeguare gli impianti ai limiti di esposizione, valori di attenzione e obiettivi di qualità e può prevedere la delocalizzazione in siti idonei), gli “Accordi di programma”, i “Regolamenti”, competenze regionali in ambito “all’individuazione dei siti di trasmissione e degli impianti di telefonia mobile…le modalità per il rilascio delle autorizzazioni alla installazione degli impianti…il raggiungimento degli obiettivi di qualità…il concorso all’approfondimento delle conoscenze scientifiche relative agli effetti per la salute” e si “attengono ai principi relativi alla tutela della salute pubblica, alla compatibilità ambientale ed alle esigenze di tutela dell’ambiente e del paesaggio”, “l’Educazione ambientale”, i “Controlli” (Le amministrazioni es. Comuni), le “Sanzioni” (sanzioni amministrative, sospensione e revoca atto autorizzatorio, eccetto il fatto costituisca reato). Presentata anche l’attività che il Comitato effettuò in località Pratarena (Monte Compatri) dove “l’Arpa Lazio certifica una situazione di inquinamento di portata sanitaria”. Il Comune di Monte Compatri ha emanato in data 23/04/2019 la Deliberazione di Giunta atto n.74.

 

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Maggio 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”