Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Festa di Benvenuto ai profughi nigeriani

Festa di Benvenuto ai profughi nigeriani
Agosto 20
09:43 2015

8698-WP 20150818 22 37 05 PStella San Giovanni. Sono le 21 del 18 agosto. La gente entra nell’ampia sala dove le parrocchie, le Anspi, le Associazioni di volontariato e il Comune di Stella hanno invitato tutti per una festa di benvenuto ai profughi nigeriani. Molti portano in mano torte fatte in casa che dispongono, insieme alle bibite, su un tavolo.

Quindi, la Sindaca, Marina Lombardi, dà un caloroso saluto a tutti. La sala, infatti, è gremita e, da un lato, nelle prime due file di sedie, siedono alcune famiglie di giovani nigeriani con due bambine piccolissime. È presente sia il parroco, don Giuseppe Pometto, che il presidente della Comunità dei musulmani della Liguria, Zahoor Ahmad Zargar, in quanto alcuni dei profughi sono cristiani e altri musulmani.
La Sindaca spiega che anche Stella è stata chiamata a farsi carico del problema degli sbarchi dei profughi affrontando due incertezze: dove ospitarli e la normale paura di ciò che non si conosce. La struttura di accoglienza è stata trovata in una ex scuola ormai inagibile che, in tempi rapidissimi, è stata ripulita e riadattata. La paura, invece, è stata accantonata ragionando sul fatto che anche loro, i profughi, hanno paura, giunti in un paese di cui non conoscono la lingua e le abitudini, dopo un viaggio tanto spaventoso. Quando sono partiti, una delle bimbe aveva venti giorni, per cui, certamente, se non fosse stata un’emergenza, i genitori non l’avrebbero fatto.
Infine, la Sindaca ricorda che anche noi siamo colpevoli del disastro ambientale, dell’impoverimento e della destabilizzazione della Nigeria. Infatti, le compagnie petrolifere internazionali (tra cui ENI) hanno devastato il Delta del Niger, hanno contaminato falde acquifere, corsi d’acqua, foreste, mangrovie e campi coltivati, rendendo la vita impossibile agli indigeni. Senza considerare il “gas flaring”, un processo fortemente inquinante per l’atmosfera. (https://it.wikipedia.org/wiki/Nigeria; http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/Nigeria,-10mln-di-bambini-non-hanno-accesso-a-scuola.aspx).
Il dottor Paolo Ceccarelli, responsabile migranti della Prefettura di Savona, ha spiegato che, nel mondo, causa guerre, povertà, inquinamento, si stanno muovendo un miliardo e 700mila persone. L’Africa ha più di un miliardo di abitanti, in maggioranza giovani, mentre l’Europa va verso i seicento milioni, in maggioranza anziani. Quello che viviamo oggi è, dunque, un fenomeno migratorio molto complesso, per cui i profughi devono essere accolti nelle varie regioni. Alla Liguria spetta la sua parte, suddivisa per il 50% nel genovese, il 20% nel savonese, il 15% a Imperia e La Spezia. I profughi sono considerati richiedenti asilo se fuggono da guerre in corso o bisognosi di protezione umanitaria se soggetti a dittature, persecuzioni religiose, ecc. A Genova c’è una commissione che li esamina attentamente. Chi non risponde a questi requisiti viene espulso. Queste persone non possono lavorare fino a quando non è stata decisa la loro posizione, ma possono fare del volontariato aiutando la comunità che li ospita. Vengono loro assegnati- dei 34 euro giornalieri per fornire loro cibo, assistenza medica, sociale, ecc.- 2,50 euro al giorno più una ricarica telefonica da 15 euro al loro arrivo. I fondi usati sono in parte europei e in parte italiani, comportano, però, una ricaduta occupazionale perché le cooperative o associazioni che si occupano dei migranti (vincitrici di gare bandite regolarmente) hanno bisogno di personale di vario genere. La comunità che li accoglie (in questo caso Stella) non ha costi ma un benefit di affitto dei locali e gode delle loro prestazioni di volontariato.
Non sarà facile integrarsi, cioè incontrarsi- ha concluso la Sindaca interpellando un uomo di Stella che venti anni fa ha sposato una donna nigeriana e che ancora oggi è soprannominato quello che ha sposato una negra- ma Stella è la patria di un grande Presidente, Pertini, che ha combattuto per la pace e la libertà di tutti.

(Renata Rusca Zargar)

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Luglio 2022
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”