Notizie in Controluce

Geologi Lazio: “Litorale Nord allagato nei secoli dei secoli”

 Ultime Notizie

Geologi Lazio: “Litorale Nord allagato nei secoli dei secoli”

01 Dicembre
10:27 2014

Questo il commento del presidente dell’Ordine dei geologi del Lazio, Roberto Troncarelli, in merito al nubifragio, che si è abbattuto quattro giorni fa a nord di Roma. “Ricordo che tutta la fascia litoranea laziale, compresa tra Fiumicino e Santa Marinella, è altamente vulnerabile al rischio idrogeologico – denuncia Troncarelli -. I piccoli fossi che solcano l’intero settore costiero non riescono a contenere i grandi quantitativi d’acqua che giungono in breve tempo dalle colline circostanti. Infatti, questa zona è stata interessata anche dagli eventi alluvionali del 31 gennaio scorso”. Per fortuna l’ultimo evento del 27 novembre, a fronte di una recentissima serie di interventi manutentivi sugli alvei messi in atto dal Comune di Santa Marinella non ha visto esondazioni importanti degli stessi: “Gli allagamenti, ad esempio del quartiere Le Quartacce di Santa Marinella – specifica il presidente dei Geologi – sono stati di contro causati dalla cronica insufficienza delle reti di collettamento e smaltimento delle acque bianche e grigie, con nauseabondi rigurgiti delle fogne, grandemente sottodimensionate, perché datate rispetto alle accresciute necessità urbanistiche, talora messe in atto senza una seria programmazione, quando non addirittura abusive, che avrebbe dovuto condurre ad opere di adeguamento delle stesse”.

A ciò va aggiunto il crollo di una sezione del rilevato autostradale della A12, lato valle, nella tratta tra i caselli di Santa Marinella-Santa Severa e Civitavecchia Sud, a completare “un’altra giornata – rimarca Troncarelli – da segnare in rosso sul calendario, perché ha trovato nuovamente e incredibilmente ancora impreparate le istituzioni”. E qua l’incuria e l’assenza di monitoraggio, di presidi sul territorio, di verifiche delle condizioni di conservazione e tenuta delle opere infrastrutturali, non consentono alibi: senza controllo la natura non fa sconti”. Che fare, dunque? Per i geologi la ricetta è sempre la stessa: “Occorre tornare ad “occupare” il territorio, istituendo squadre di sorveglianza, presidi di controllo e monitoraggio, da impiegare in “tempi di pace”, perché quando scoppia la “guerra” è già troppo tardi”. Ultimamente si parla di molti fondi stanziati per il contrasto al dissesto idrogeologico “Speriamo non si tratti dell’ennesima propaganda, senza base, senza programmazione, e soprattutto con risorse solo virtuali”, si augura Troncarelli.
Questa, infine l’analisi di Tiziana Guida, segretario dell’OGL, sui due ‘flash flood’ che hanno interessato Cerveteri, Ladispoli e Santa Marinella: “Il 10 novembre sono caduti circa 150 mm di pioggia in 8 ore, di cui oltre 40 mm in un’ora e più di 100 mm in 3 ore. Nel pomeriggio del 27 novembre invece, nell’area di Santa Severa – spiega la geologa – sono caduti circa 55 mm in soli 30 minuti, più di 85 mm in un’ora, per un totale a fine evento di oltre 120 mm. Si tratta di quantitativi pluviometrici che determinano forti impatti sul territorio in un’area fortemente antropizzata e ciclicamente soggetta a questo tipo di fenomeni, tipici del periodo autunnale. Dobbiamo rilevare – prosegue Guida – che Santa Marinella non è nuova a questi eventi. Il 2 ottobre del 1981 si ebbero 6 vittime, oltre a ingentissimi danni e la chiusura della ferrovia e dell’Aurelia, per una devastante alluvione causata da quasi 200 mm di pioggia caduti in quattro ore”. Il segretario, poi, conclude ricordando “che i segni dei dissesti idrogeologici in questa zona arrivano molto più indietro nel tempo: lungo il Fosso di Castelsecco, tra S. Marinella e S. Severa, una stele di epoca romana ricorda la ricostruzione del “Ponte di Apollo” lungo la via Aurelia, ad opera dell’imperatore Settimio Severo, distrutto dalla violenza del mare e dei corsi d’acqua nel 205 d.C”.
I geologi del Lazio, dunque, invitano i cittadini ad intraprendere azioni di autotutela, senza aspettare l’intervento ‘dall’alto’ che, se arriverà, non potrà comunque evitare del tutto il ripetersi di tali danni. “E allora – concludono i geologi Lazio – utilizzate il meno possibile i locali seminterrati e interrati, se posti in zone che si allagano. Meglio far conto di non averli che dover contare ogni volta i danni”.

Condividi

Articoli Simili