Notizie in Controluce

La Biblioteca della legalità arriva ai Castelli Romani

 Ultime Notizie
  •  IL TRENO PER SCOPRIRE PAESAGGI E RISPETTARE IL PIANETA Riceviamo dal un nostro lettore e volentieri pubblichiamo Ho realizzato una pagina su Facebook   “IL TRENO PER SCOPRIRE PAESAGGI E RISPETTARE IL PIANETA” con l’obbiettivo di rivalutare il treno e...
  • DIRITTO AL RESPIRO Si è tenuto a Colonna, in data 10/01/2020, presso la sala Elsa Morante, dalle ore 17:00, la conferenza “DIRITTO AL RESPIRO. Conferenza pubblica sulle emissioni odorigene”. Organizzata da Associazione Aria...
  • Velletri – L’ ATTUALE STENDARDO DI S. ANTONIO ABATE COMPIE VENT’ANNI Ci avviciniamo alla tradizione Festa in onore di S. Antonio Abate, fermiamoci a parlare del celebre stendardo e della sua storia. Vessillo dell’Università dei Carrettieri e Mulattieri fondata nel 1624,...
  • Piano di gestione del daino nel Parco nazionale del Circeo Piano di gestione del daino nel Parco nazionale del Circeo Legambiente “Nessuna strumentalizzazione di una vicenda delicata e di importanza strategica per gli equilibri ecologici dell’area protetta” Il tema della...
  • POSTE ITALIANE SOSTIENE LE CELEBRAZIONI PER I 700 ANNI DI DANTE ALIGHIERI  Il Gruppo guidato dall’ad Del Fante offrirà il suo contributo in ricordo del sommo poeta alle iniziative previste nel 2021 in 70 Comuni italiani, in coerenza con gli impegni per...
  • CENTO FELLINI LUCIA MIRISOLA – RUGGERO MASTROIANNI – FEDERICO FELLINI Il prossimo 20 Gennaio, si compiranno i cento anni dalla nascita di Federico Fellini e il Museo Luigi Magni e Lucia Mirisola...

La Biblioteca della legalità arriva ai Castelli Romani

20 Marzo
19:16 2018

Il Consorzio SBCR ha aderito al progetto BILL – Biblioteca della legalità promosso dalla Fattoria della Legalità. Si tratta di una bibliografia costituita da più di 200 titoli selezionati da un comitato di esperti: storie vere, romanzi, saggi, fumetti e albi illustrati indirizzati ai bambini e ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Lo scopo è quello di promuovere la cultura della legalità, della responsabilità e della giustizia tra le nuove generazioni.
BILL nasce nelle Marche, ad Isola del Piano, in un casolare sottratto alla mafia e dato in gestione ad un’associazione di volontariato. Sono libri destinati a spostarsi e a non restare fermi sugli scaffali: lo scaffale può essere ospitato per un periodo di tempo, ad esempio, dalle scuole che ne fanno richiesta. Molti sono gli enti, le associazioni e le persone che hanno aderito al progetto. Tra questi, insieme alla biblioteca Collina della Pace di Roma, anche il Consorzio delle biblioteche dei Castelli Romani.
I libri che compongono BILL e sono disponibili nelle biblioteche castellane sono già visibili sul nostro catalogo online, fra le proposte di lettura.
A partire dal prossimo anno scolastico, le scuole interessate potranno ospitare la biblioteca sulla legalità, prenotandola.

Il Consorzio presenterà il progetto BILL all’interno della “XXIII Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno, in ricordo delle vittime innocenti di mafia” organizzata dall’associazione Libera per la mattinata del 21 marzo prossimo.
Per l’occasione, il presidio di Libera dei Castelli Romani ha organizzato un corteo a Pavona, invitando le scuole e i cittadini a partecipare attivamente. Il corteo raggiungerà Villa Contarini dove verranno letti i nomi delle vittime e inaugurati i Murales della Libertà realizzati da Libera e dal liceo artistico di Velletri; al termine, il Consorzio SBCR presenterà BILL con uno stand in cui saranno esposti alcuni dei libri selezionati.

«BILL è una biblioteca che viaggia in valigia – commenta il Presidente del Consorzio, Giuseppe De Righi -, si sposta, si trasforma, porta con sé tracce del nostro passato e guarda ad un futuro migliore. Viene inaugurata il primo giorno di primavera: lo consideriamo un buon auspicio! Partecipare attivamente al progetto, coinvolgere le nostre scuole, i lettori e la società civile, costituisce l’occasione per dare un senso al profumo di libertà che proviene dai libri, dalla cultura, dal nostro territorio».

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento