Notizie in Controluce

Yemen: Save the Children

 Ultime Notizie
  • Yemen: Save the Children Yemen: Save the Children, a 3 anni esatti dall’inizio dell’escalation del conflitto più di 5.000 bambini hanno perso la vita o sono rimasti feriti, 5 al giorno; 1,9 milioni di...
  • Gli Oli della provincia di Latina tra gli Orii del Lazio Gli Oli della provincia di Latina tra gli Orii del Lazio: premiate a Roma otto aziende locali L’extravergine d’oliva Itrana della DOP Colline Pontine è giunto primo con i suoi...
  • Palazzo Marina apre la stanza di Thaon di Revel Gli oggetti appartenuti al Grande Ammiraglio della Vittoria esposti in occasione delle Giornate Fai di primavera il 24 e il 25 marzo La scrivania, la libreria e la poltrona. Gli...
  • I Giovani incontrano i Campioni. A Cori la skettista Francesca Del Prete La ventenne campionessa italiana juniores di tiro al volo e nazionale azzurra delle Fiamme Oro – Polizia di Stato – è stata accolta da 300 studenti delle sei classi delle...
  • Ciampino, stop alla “movida” molesta Ciampino, stop alla “movida” molesta: emessa ordinanza di chiusura anticipata alle 23 per un pub del centro in applicazione del “decreto sicurezza”. E’ stato reso operativo ieri, a Ciampino, il...
  • Carpineto R.no, Bilancio di previsione 2018 Il Consiglio Comunale di Carpineto Romano, nella seduta del 22/03/2018, ha approvato il Bilancio di previsione 2018 – 2020. Il Bilancio approvato si caratterizza per i seguenti obiettivi prioritari: massimo...

Yemen: Save the Children

Yemen: Save the Children
marzo 26
07:12 2018

Yemen: Save the Children, a 3 anni esatti dall’inizio dell’escalation del conflitto più di 5.000 bambini hanno perso la vita o sono rimasti feriti, 5 al giorno; 1,9 milioni di minori non vanno a scuola, 4 milioni sono sull’orlo della carestia e 11 milioni hanno bisogno di aiuti umanitari. L’appello dei bambini e ragazzi yemeniti: “Andiamo a dormire con il rumore degli aerei da guerra sopra le nostre teste, siamo innocenti, non dimenticateci”
A Roma un parco giochi si trasforma in uno scenario bellico, con un kalashnikov gigante, trincee e segnali antimine tra gli sguardi attoniti dei bambini: è l’installazione a forte impatto visivo realizzata dall’Organizzazione per tenere alta l’attenzione sulla guerra in corso

Immagini video dell’installazione disponibili qui: https://media.savethechildren.it/?r=10031&k=e822a47713
Foto scaricabili al link: https://media.savethechildren.it/?c=1961&k=603e5755ea

“Noi, i bambini dello Yemen, stiamo disperatamente cercando di sopravvivere. Andiamo a letto con il rumore degli aerei da guerra sopra le nostre teste e quello delle armi nelle strade. Quando ci svegliamo, attorno a noi vediamo sempre più distruzione. Siamo innocenti, non siamo parte di questa guerra e non abbiamo fatto nulla di male”. Comincia così l’appello di 17 bambini e ragazzi yemeniti, ai quali Save the Children ha voluto dar voce a tre anni esatti dall’inizio dell’escalation del conflitto in Yemen, che chiedono al mondo e alla comunità internazionale di non dimenticare la guerra brutale che sta devastando il loro Paese e le loro vite.
Da marzo 2015, sono più di 5.000 i bambini che hanno perso la vita o che sono rimasti feriti, in media ben 5 al giorno, ricorda Save the Children, l’Organizzazione internazionale che dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro. Oltre 15.000 gli attacchi aerei registrati dall’avvio delle ostilità, mentre più di 22 milioni di persone, tra cui oltre 11 milioni di minori, hanno bisogno di assistenza umanitaria. Da ottobre 2016, inoltre, sono stati più di 600 i casi di minori, anche di 10 anni di età, reclutati da tutte le parti in conflitto e gravissime sono anche le conseguenze sul diritto all’educazione, con 1,9 milioni di bambini che non possono andare a scuola e che sono di conseguenza ancora più esposti al rischio del reclutamento forzato nei gruppi armati o dei matrimoni precoci.
Per tenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica sulle drammatiche conseguenze del conflitto in Yemen sulla vita dei bambini, Save the Children ha realizzato una installazione ad alto impatto visivo in un parco giochi di Roma dove, tra gli sguardi attoniti di bambini e bambine solitamente intenti a divertirsi con altalene, giostre e scivoli, è comparso un kalashnikov gigante, lungo 15 metri. Tutt’intorno, sacchi di sabbia che delimitano trincee, elmetti e segnali di pericolo mine a rappresentare un vero e proprio scenario di guerra.
“Stiamo perdendo la possibilità di studiare, perché le nostre scuole sono state distrutte. Ci vengono negati i nostri diritti primari, come la salute, la sicurezza e la nostra stessa vita. Più a lungo questa guerra durerà e più bambini moriranno. Le malattie continueranno a diffondersi, visto che i centri sanitari non hanno abbastanza forniture mediche e vaccini per curarle. E rischiamo di essere costretti a lavorare solo per poterci permettere di avere qualcosa da mangiare. Siamo tristi per il nostro Paese, per le nostre famiglie e per i nostri amici”, prosegue la lettera scritta dai 17 bambini e ragazzi, membri del Parlamento dei Bambini dello Yemen, supportato da uno dei partner locali di Save the Children in Yemen. Da più di 18 anni il Parlamento dei Bambini riunisce tanti minori da tutto il Paese per discutere dei loro diritti, ma a causa del conflitto dallo scorso anno è stato costretto a sospendere le sue attività.
Nel loro appello, i bambini chiedono quindi alla comunità internazionale di mettere in pratica 5 azioni precise. “Impegnarsi a mettere fine alla guerra e proteggere i diritti dei bambini; monitorare e indagare sulle gravi violazioni nei confronti dei minori; garantire l’accesso all’educazione; rifornire i centri sanitari e gli ospedali con medicinali e attrezzature adeguate; assicurare un posto sicuro in cui vivere e supporto emozionale ai bambini che hanno perso tutto”.
“Negli ultimi tre anni, i bambini yemeniti sono stati bombardati e costretti alla fame, nella totale impunità per gli autori di simili violenze. Migliaia di persone sono morte nelle loro case o negli ospedali mentre aspettavano invano medicine o aiuti salvavita e altre decine di migliaia di persone potrebbero morire quest’anno se non verranno intraprese azioni urgenti per porre fine alla violenza – ha dichiarato Tamer Kirolos, Direttore di Save the Children in Yemen – I bambini che una volta sentivano di avere un futuro, hanno visto le loro città e i loro sogni ridursi in macerie. La metà di tutti gli ospedali è stata danneggiata o distrutta, centinaia di scuole sono state attaccate o rase al suolo e 4 milioni di bambini sono sull’orlo della carestia. La cosa più triste è che tutta questa sofferenza è stata completamente provocata dall’uomo. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la volontà politica di tutte le parti in conflitto per porre fine allo spargimento di sangue e per rimuovere completamente il blocco in modo che gli aiuti umanitari e le forniture commerciali possano entrare nel Paese. Se così non sarà, il quarto anno di guerra in Yemen potrebbe rivelarsi il più mortale di sempre”.

 

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa Save the Children
Tel 06-48070023/63/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

marzo: 2018
L M M G V S D
« Feb    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031