Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

“ARTE IN PARTENZA PER INSTANBUL” SUZANNE SPAHI

Aprile 25
15:57 2024

185a Mostra

“Museo Ugo Guidi”

“Amici del Museo Ugo Guidi – Onlus”

presentano la mostra

“ARTE IN PARTENZA PER INSTANBUL

SUZANNE SPAHI

Alla caccia per la pace, (opera n° 54)

 

Museo Ugo Guidi domenica 5 maggio 2024 ore 18 – FORTE DEI MARMI

5 – 12 maggio 2024

Il Museo Ugo Guidi – MUG di Forte dei Marmi, continuando la missione di “Museo Vivo” in occasione della 185° mostra inizia il progetto “ARTE IN PARTENZA PER…” ospitando opere che partendo per luoghi diversi dal comprensorio apuo-versiliese allontanandosi per un certo periodo dallo stesso.

 

SUZANNE SPAHI presenta per “ARTE IN PARTENZA PER ISTANBUL”

Alla caccia per la pace, (opera n° 54)

Mostra con presentazione dell’opera unica in mosaico ispirato dal celebre

tappeto: TABRIZ ( Persia nord occidentale 1542-1534) cm 335 x 682 del

Museo Poldi Pezzoli (MI).

 

Il museo Ugo Guidi ospita per una settimana l’opera in mosaico: “Alla caccia per la pace”

commissionata da un collezionista e realizzata dalla mosaicista Suzanne Spahi, canadese di nascita e residente a Carrara dal 2018.

L’opera è ricca di molteplici materiali musivi e realizzata con smalti veneziani, messicani, ori, murrine, ceramiche, perline iraniane, incisioni a stampa sull’intonaco e circoscritta di rose di scaglie di marmo, recupero di scarti di scultura.

 

La ricerca che Suzanne opera con il mosaico (una passione tecnica incontrata nel 1993 sulla rivista Marie Claire idée) si rispecchia nella cultura “tessile” delle tradizioni del mediterraneo: quei tessuti in cui riposano, pregano, viaggiano queste popolazioni: i tappeti! Tappeti che sono come libri avvolgibili, ripiegabili, da viaggio, che raccontano iconografie e simboli intrecciati tramandati dalle millenarie tradizioni. Da questa passione “tessile”, già radicata nelle sue origini di famiglia egiziana, Suzanne rielabora, assorbe, rigenera, modifica, contamina, con l’arte del mosaico un mondo parallelo che usa le stesse terminologie del “tessere”, disponendo con tessere; armonia, trama, interstizi, affioramenti, ritmi, intrecci, segni e simboli che dal “flessibile” diventano “solidi” tappeti: (dal suolo alla parete) ove s’aggregano le esperienze della vita e del quotidiano, anche consumistico in un circolo ludico, spesso ironico, in una “Giostra” della vita.

 

Un grande “mànége” nel quale appendere infinite piccole storie, come tessere, mobili sospesi, souvenirs fatti di “residui” di nutrimento e pubblicità pop, confezioni ritagliate con le icone più disparate di personaggi storici, del fumetto o del cinema, come l’amato Fellini, la Gradisca di Amarcord, o della canzone: Dai baci Perugina alle immancabili confezioni di caramelle Leone, francobolli, carte Chupa Chups, dallo Spritz ai cammelli, dai formaggini alle conchiglie, dalle paillettes alle pere! Fino agli alluminii degli yogurt ai nastrini regalo alle passamanerie; micro cimeli, sottratti allo scarto! Il tutto legato da amalgame, colle colorate, brillanti e luminose, riflettive che trattengono a cornice gli smalti colorati e le murrine, provenienti dall’amata Venezia come ama e immagina, a riflesso della sua vita.. Riassunta nella nominazione del suo essere (non) ditta: MOSAIKASHOP… Nomade.

 

Ecco che in un suo lavoro, dai cimeli incollati a “decò”, appaiono sospesi su 3 ruote di bici

orizzontali ( strizzando l’occhio a Duchamp) innumerevoli decorazioni. O in una recente mostra, in una chiesa sconsacrata, nell’abside ove ci si aspetta l’icona bizantina del “Pantocrator” appare invece il ritratto del CHE, che in comune con il Supremo hanno solo la barba.. e forse il riscatto per l’uomo dall’oppressione, ma non azzardiamo altra dissacrazione!

Appaiono immancabili complementi testuali alle sue opere, la scrittura, la poesia, la citazione irriverente, evocativa… in inglese, francese, italiano, arabo.. a rimarcare ancora il nomadismo culturale praticato nei suoi viaggi, luoghi vissuti e visitati assumono questo denominatore: Nomadismo! Come sono gli utilizzatori dei tappeti. Suzanne ha trovato nel tappeto e nelle infinite varietà stilistiche cromatiche, asiatiche / mediterranee, la sua principale ispirazione. Oggi i suoi tappeti… musivi, viaggiano con lei e transitano “imballati”.. non con involucri o pacchi di plastica a bolle, ma in apposite sacche a ‘mo’ di “federa” che a ciascun mosaico è riservato a propria misura, calzante, fatti a “vestito” di tessuto.

Suzanne, recentemente ha pubblicato un catalogo-rivista a tiratura limitata, ispirata al modello di Marie Claire idee, in cui sono riportate le immagini dei suoi mosaici e in corrispondenza di ciascuna è scritta la storia d’ispirazione ed evoluzione del lavoro stesso…ah!! non è finita! Si aggiungono ricette di cucina!! altro grande amore e passione che conferma un nomadismo trasversale delle culture in un imprescindibile “intreccio” ( per restare nel tessile) tra arte e cucina.

 

Enzo Tinarelli

 

L’esposizione al MUG, introdotta dal Prof. Enzo Tinarelli, sarà visitabile in seguito su appuntamento al telefono 348-3020538

o museougoguidi@gmail.com. Via Matteo Civitali, 33 – Forte dei Marmi.

MUSEO UGO GUIDI – MUG
Via M. Civitali 33
Forte dei Marmi
tel. 348-3020538
museougoguidi@gmail.com www.ugoguidi.it

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”