Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Frascati, Lega: Gli studenti rialzano la testa

Gennaio 23
13:32 2021

Frascati, Lega: Gli studenti rialzano la testa. Problema Scuola è di tutti, no a strumentalizzazioni

Frascati, 23 gennaio 2021 – In questi giorni, ci sono stati una serie di scioperi che hanno interessato le scuole superiori di Frascati e ai quali hanno aderito un gran numero di studenti di ogni età. Al centro della protesta le misure confuse, contraddittorie e inconcludenti, messe in atto dal Governo Conte per la ripresa della scuola in questo periodo disgraziato.

Tutti sappiamo quali fossero state le promesse della “Ministra” della Pubblica Istruzione Azzolina, che, prima ancora delle vacanze di Natale, aveva preannunciato una sostanziale ripresa dell’attività didattica tra il 7 e l’8 gennaio per tutti gli studenti delle scuole superiori. Così come sappiamo che gli auspici della Ministra si sono subito scontrati con i suoi stessi compagni di Governo, che hanno pensato bene di mettersi di traverso facendo ricorso alle solite pantomime basate sui responsi oracolari dei virologi di turno.

Il risultato di questo vergognoso tiramolla è stato il caos più assoluto, con la Azzolina che è rimasta inascoltata e con molte Regioni italiane che si sono mosse in ordine sparso, decidendo ciascuna di esse come regolarsi in base alle varie sfumature di colore attribuite settimana per settimana. Con i dirigenti scolastici, i professori, gli studenti e le famiglie, tutti ad attendere il responso di un Comitato Tecnico Scientifico, all’interno del quale non era presente neanche un esperto del settore educazione.

Se non si parlasse di un problema serio e delicato come la Scuola, sarebbe da prendere la cosa come se si trattasse della più stucchevole commedia all’italiana.

Allo stato attuale, i ragazzi sono rimasti praticamente tutti a casa a proseguire la didattica a distanza, con l’unica concessione di andare a scuola una o due volte alla settimana, a turno e con orario differenziato di entrata alle 8.00 oppure alle 10.00. Dopo mesi di chiusura delle scuole il Governo giallo-fucsia dell’ex “avvocato del popolo” Conte non ha combinato niente e la disorganizzazione regna sovrana, mentre in tutta Europa l’attività scolastica, o non si è mai interrotta o è ripresa da tempo, 

Si tenga presente che le scuole italiane si sono dovute attenere alle disposizioni anti Covid emesse dai vari Dpcm investendo personale e risorse non indifferenti. Segnaletiche specifiche, dotazioni di mascherine e gel, sanificazioni e tanto altro ancora. Milioni di euro spesi inutilmente ai quali vanno aggiunti gli altri milioni sperperati in ridicoli banchi a rotelle inutilizzati o mai arrivati. Avendo per di più rottamato per un valore di altri milioni di euro decine di migliaia di sedie e di banchi monoposto già in dotazione in molte scuole e perfettamente funzionanti.

Dopo tutto questo lavoro, dopo questo inutile ed enorme dispendio di risorse pubbliche (che magari potevano essere utilizzate per aiutare il commercio e le aziende in difficoltà con ristori adeguati), si è comunque deciso di lasciare i ragazzi a casa con la didattica a distanza. In sostanza, non si è investito un euro nell’unico provvedimento davvero necessario, vale a dire il potenziamento del trasporto pubblico, da e per la scuola, negli orari di punta.

Ecco che dopo mesi di presunta emergenza, ancora oggi gli studenti, i professori e il personale della scuola si ritrovano a dover sgomitare su autobus, treni e metropolitane strapiene. In barba a tutte le misure anti assembramento che, in teoria, dovrebbero contenere il contagio.

Ecco che quindi la protesta messa in atto dagli studenti anche nelle scuole di Frascati non solo è sacrosanta e giustificata ma è assolutamente da condividere e da sostenere. Come sacrosanto è il diritto all’Istruzione pubblica, negato da questi soloni incompetenti che stanno creando danni enormi alla crescita intellettuale e sociale delle giovani generazioni.

Parliamo anche dei gravi di danni di ordine psicologico che finalmente qualcuno comincia a sottolineare anche sui giornali mainstream, fino a ieri ciechi e ottusi di fronte all’evidenza. Così come ci si sta accorgendo finalmente degli enormi limiti che sono insiti nella didattica a distanza, che può essere un palliativo in caso di emergenza, ma di certo non la soluzione, come stanno denunciando sempre di più sociologi, psicologi ed esperti di educazione.

Oggi abbiamo migliaia di studenti in tutta Italia che restano fuori quotidianamente dal sistema scuola per problema economici, per mancanza di strumenti informatici o anche solo a causa della insufficienza della rete a disposizione. Ad essere penalizzate sono ancora una volta le fasce più deboli della popolazione.

Come Lega, a livello nazionale, abbiamo denunciato tutto questo da sempre, smascherando le inefficienze e l’incompetenza di questo Governo e della ministra Azzolina.

Per concludere, essendo dunque a fianco degli studenti e dei professori che chiedono un cambio deciso di passo, siamo costretti a registrare nel locale anche un tentativo di strumentalizzare la situazione da parte di chi sta facendo ricorso a vecchi schemi del passato, cercando di impadronirsi di una protesta che è trasversale e condivisa dalla maggior parte degli studenti e del personale della Scuola.

Noi come Lega riteniamo che il funzionamento del trasporto pubblico e della Scuola non siano problematiche né di destra né di sinistra. Lasciamo quindi ai “sinistri” le polemiche spicciole e senza senso. Compito della politica è occuparsi e risolvere i problemi reali della cittadinanza, non ricorrere ogni giorno alle logore categorie del fascismo e dell’antifascismo. È questo è l’atteggiamento costruttivo del fare della Lega, prima forza politica dell’Italia.

 

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”