Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Frascati o del ‘Nonsense’

Settembre 04
17:36 2015

Intanto è noto come ogni ‘regime’ che passa non disdegna di lasciare un proprio ricordo. Pensiamo ai nomi delle vie: in poco più di un secolo ad esempio, l’attuale ‘Corso Italia’ si chiamava in origine ‘Via della Rufinella’, poi Via Vittorio Emanuele (ovviamente II), Via Goethe, e infine Corso Italia. E che dire della voglia di ‘ingentilire’ i nomi delle strade? Anni fa un consigliere comunale lanciò l’idea di cambiare il nome alla ‘via delle fratte’ perché evidentemente lo riteneva volgare (non conoscendo la storia non poteva sapere che tale indicazione ricordava la vegetazione che costituiva anticamente una sorta di confine tra il centro abitato ‘estremo’, periferico e le ville (Piccolomini/Lancellotti/Aldobrandini) separate solo dalla via dei Cappuccini (poi via Massaja). Qualcuno, il più che centenario ‘piazzale della Stazione’ ha voluto recentemente ribattezzarlo ‘Piazza Pertini’, senza dimenticare la ‘via Prataporci’ cambiata da tempo in ‘Via di Pietra porzia’? Invece per ‘via Budelacci’ (ora diventata prosecuzione di Via Celli) chi ha apposto la nuova targa forse riteneva che da quelle parti ci fosse una…macelleria con frattaglie e budella sparse(visto che ha modificato il nome di un benemerito vescovo in ‘Budellacci’ con due elle!)?

8650-Senza-titolo-2Ma se invece di esercitare in tal modo la loro malata fantasia, gli amministratori si dedicassero di più, per esempio, anche a rimettere targhe e segnalazioni stradali dove sono sparite da decenni (come nel caso di via Rosignoli che nessuno sa più dov’è) e togliere segnali e tabelle superati o comunque ‘sfasati’? Oppure a sistemare le strade – e parliamo solo di quelle del centro o poco più – che presentano ampie buche da tutte le parti, rifare le strisce pedonali del tutto scomparse, nonché liberare i marciapiedi dall’invasione di tavoli e sedie per tutta la città (e sono in aumento), tanto che i pedoni in certi casi sono costretti a scendere dai marciapiedi e passare in mezzo alla strada col rischio di essere investiti. Controlli e manutenzioni poi sembrano inesistenti, perché: a chi compete vigilare sui segnali stradali distrutti, a chi riparare le buche con un minimo di competenza e non sostituire il sampietrino mancante con una toppa d’asfalto? Chi deve controllare che anche nel centro non vi siano palazzi dove ciascuno si sente liberamente autorizzato a tinteggiare del colore preferito la sua parte di condominio con effetto arlecchino (forse per adeguarsi alla ‘fetecchia’ del ripristinato carnevale tuscolano!). Non ci sono più regole edilizie?

Ed ancora: che raccolta differenziata si fa a Frascati se alcuni compattatori caricano di tutto indifferentemente soprattutto da certi condomini ( che pure rispettano le norme e dividono la spazzatura)? Inoltre Frascati-schiamazzopoli-pattumiera pare essere anche l’obiettivo (comunque non nuovo) della cultura amministrativa? Od occorre aumentare un personale che tra dipendenti comunali e agenzie di servizi vari conta centinaia di addetti?! Ma possibile che nessun consigliere comunale di maggioranza si accorga del degrado e sono ‘cecati’ pure i 64 personaggi delle liste che hanno appoggiato la candidatura del nuovo sindaco (a cui tra l’altro non si possono certo attribuire tutte le carenze)? Se poi ci si dovesse rispondere che questa è l’eredità delle passate amministrazioni, allora vuol dire che comunque in un anno mezzo la ‘nuova’ ne ha seguito l’andazzo! Del resto per il futuro non fa sperare nemmeno un partito (il PD) che, per esempio – di fronte a un piccolo pubblico plaudente evidentemente più o meno legato all’imprenditoria amministrativa non solo locale -invita ben due senatori a raccontare di riforme costituzionali (su cui da tempo si conoscono le stesse informazioni dai resoconti dei giornali), e senza che ne faccia seguito un sia pur breve dibattito. Il mugugno giustamente va dilagando perché i cittadini (almeno quelli che non sono legati al carro del clientelismo elettorale e non solo) vorrebbero riappropriarsi della loro città e della sua storia. E dal momento che, comunque si voglia cambiare, le pedine che girano son sempre quelle, né si è in grado di fare progetti che leghino ispirazione di fondo, cultura e formazione socio-politica a obiettivi concreti, forse sarebbe i caso di pensare da subito ad una forte (e unica!) lista civica composta da personalità di rilievo ed elementi competenti (non carrieristi, non politicanti di professione) e comunque rottamando i soliti noti, siano essi di maggioranza che di opposizione.

Valentino Marcon (3/ IX/2015)

La sagra dei segnali stradali. Via Alberico II: uno Stop in un senso vietato,
strisce pedonali cancellate, toppe d’asfalto.

Via Sciadonna segnaletica in quiescenza … da anni!

Via Alberico II. Strisce pedonali quasi invisibili con buca in bella vista, da anni!

Largo Canova è questo, ma dov’è l’Azienda autonoma di soggiorno e turismo ‘del Tuscolo’????

Come è ridotta quella che era una delle più belle vie di Frascati degli anni ’50 e ’60:
Via Catone (o via del Tuscolo) è percorsa sempre da traffico intenso e turistico!

Budellacci?!?!?

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”