Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Gaza: circa 15.000 bambini nasceranno in mezzo alla violenza

Novembre 16
10:58 2023

Gaza: Save the Children, dall’inizio della crisi alla fine del 2023, circa 15.000 bambini nasceranno in mezzo alla violenza, senza assistenza medica adeguata, senza cibo e acqua

La testimonianza di Maha*, scappata dai dintorni dell’Ospedale Al Shifa.
L’Organizzazione rinnova l’appello per il cessate il fuoco immediato

 Tra il 7 ottobre e la fine del 2023 nasceranno a Gaza circa 15.000 bambini, tutti ad alto rischio, a causa dell’escalation di violenza, senza un’adeguata assistenza medica nonché con una grave carenza di acqua e cibo.

Questo l’allarme lanciato da Save the Children – l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini e le bambine a rischio e per garantire loro un futuro – in base a una proiezione sui recenti dati delle Nazioni Unite[1], secondo cui circa 180 donne partoriscono ogni giorno a Gaza, e che prende in considerazione anche i tassi di parto multiplo nei Territori Palestinesi Occupati[2].  Inoltre, l’Organizzazione sottolinea che circa il 15% delle donne che partoriscono rischia di avere complicazioni legate alla gravidanza o al parto.

Save the Children ha rilevato che si prevede che a Gaza nasceranno più di 66.000 bambini nel 2023 e che 5.500 donne incinte[3] partoriranno nel prossimo mese, in un momento in cui la popolazione è tagliata fuori dai rifornimenti essenziali. L’acqua pulita scarseggia, il cibo e le medicine si stanno esaurendo e le donne incinte o che allattano faticano a trovare cibo.

Gli ospedali e le strutture sanitarie, già in estrema difficoltà, sono sotto attacco, e migliaia di pazienti, tra cui donne incinte e neonati, sono in grave pericolo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che oltre la metà degli ospedali di Gaza – 22 su 36 – al momento non funzionano.

Maha*, membro del personale di Save the Children a Gaza, ora sfollata a sud ma che aveva trovato rifugio davanti all’ospedale di Al Shifa, ha raccontato ciò a cui ha assistito qualche giorno fa, quando il carburante stava finendo: “Le scene negli ospedali erano orribili. Donne incinte nei corridoi che urlavano di dolore. Neonati non identificati nelle incubatrici, senza alcun familiare in vita. Il carburante è finito, sono dovuta scappare, non so se sono sopravvissuti”.

“I bambini stanno nascendo in un incubo, una catastrofe umanitaria. Le loro famiglie non riescono ad avere alcuna forma di aiuti essenziali. Le donne incinte partoriscono senza assistenza medica e i bambini prematuri muoiono nelle incubatrici. A Gaza deve entrare il carburante per alimentare i generatori e le strutture sanitarie devono essere protette. La violenza deve cessare. Abbiamo bisogno di un cessate il fuoco. Ne abbiamo bisogno ora”, ha dichiarato Jason Lee, Direttore di Save the Children nei Territori Palestinesi Occupati.

 

Per informazioni:
Ufficio Stampa Save the Children

Tel.  3455508132 – 3409367952 – 3385791870- 3389625274
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

[1] Fonte: Joint statement by UNICEF, WHO, UNFPA and UNRWA on Women and newborns bearing the brunt of the conflict in Gaza

[2] Fonte: OP-HURN210030 1..19 (silverchair-cdn.com)

[3] Fonte: “Race against death” amid relentless bombardment in Gaza, pregnant women tell UNFPA

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”