Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Gaza: Save the Children, la maggior parte dei 610.000 bambini sfollati sono ora intrappolati a Rafah

Febbraio 10
14:59 2024

Gaza: Save the Children, la maggior parte dei 610.000 bambini sfollati sono ora intrappolati a Rafah in un’area inferiore a un quinto della superficie totale della Striscia, mentre l’esercito israeliano intensifica gli attacchi. Le famiglie costrette a dormire in tende improvvisate o all’aria aperta, sempre più disperate nella ricerca di cibo, acqua e cure mediche.

L’Organizzazione sottolinea che l’espansione delle operazioni militari israeliane a Rafah – il principale punto di ingresso degli aiuti a Gaza – rischia di far deragliare ulteriormente la fornitura di aiuti nell’enclave assediata. Save the Children chiede un cessate il fuoco immediato e definitivo per proteggere la vita dei bambini

 La maggior parte della popolazione sfollata di Gaza – più di 1,3 milioni di persone tra cui più di 610.000 bambini – è intrappolata a Rafah in un’area pari a meno di un quinto della superficie totale dell’enclave, senza alcuna possibilità di fuga, mentre gli attacchi israeliani si intensificano. È quanto afferma Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini e le bambine a rischio e garantire loro un futuro.

All’inizio di questa settimana è arrivato l’avvertimento dell’ONU che il bombardamento indiscriminato di aree densamente popolate potrebbe costituire un crimine di guerra. Nel corso dei quattro mesi trascorsi dall’inizio dell’escalation militare israeliana a Gaza in seguito agli attacchi del 7 ottobre contro Israele, più della metà della popolazione di Gaza è fuggita a Rafah scappando dalle operazioni nel nord e nel centro di Gaza e seguendo gli “ordini di evacuazione” emessi da Israele.

Queste famiglie sono ora stipate in un’area di appena 62 kmq – meno di un quinto della superficie totale di Gaza di 365 kmq, già una delle aree più densamente popolate al mondo – e la maggioranza dorme in tende improvvisate o all’aria aperta perché i rifugi esistenti non sono sufficienti. Le famiglie sono alla ricerca sempre più disperata di cibo, acqua e cure mediche, secondo Save the Children.

L’Organizzazione afferma che l’espansione delle operazioni militari israeliane a Rafah – il principale punto di ingresso degli aiuti a Gaza – rischia ora di far deragliare ulteriormente la fornitura di aiuti nell’enclave assediata poiché sarà impossibile per gli operatori umanitari fornire aiuti in modo sicuro ed efficace.

Dal 1° febbraio, almeno un convoglio umanitario che trasportava cibo a Gaza è stato colpito da colpi di arma da fuoco della marina israeliana e, secondo quanto riportato dalle Nazioni Unite, diversi operatori umanitari sono stati uccisi mentre erano in servizio. Tutto questo è accaduto nonostante le organizzazioni umanitarie abbiano fornito le posizioni alle autorità israeliane attraverso un apposito sistema di notifica.

L’escalation dei rischi nella zona di Rafah e per la consegna degli aiuti arriva poche settimane dopo la decisione di alcuni governi donatori di sospendere i finanziamenti all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione (UNRWA), il più grande fornitore di aiuti a Gaza.

“È difficile immaginare che le cose possano peggiorare ulteriormente per la popolazione di Gaza rispetto agli ultimi quattro mesi, ma se le forze israeliane dovessero rafforzare il loro intervento a Rafah, ciò che accadrà andrà oltre i nostri peggiori incubi. Dopo che le autorità israeliane hanno detto alla gente di Gaza che Rafah è un luogo sicuro in cui fuggire, l’80% della popolazione – di cui metà sono bambini – è ora stipata in quest’area, molti senza muri o tetti che possano ripararli e proteggerli. Il nostro personale e le altre organizzazioni umanitarie non possono distribuire aiuti sotto il fuoco degli incessanti bombardamenti, e gli sforzi per garantire protezione al personale e alle operazioni umanitarie continuano a essere vani. Gran parte della comunità internazionale finora ha fallito nel tentativo di proteggere i minori. Siamo di fronte ad una grande prova. Rispetteranno il diritto internazionale e il diritto alla vita dei bambini? O rimarranno a guardare mentre le vite e il futuro dei più piccoli vengono decimati?” ha dichiarato Jason Lee, Direttore di Save the Children per i Territori palestinesi occupati.

Save the Children chiede un cessate il fuoco immediato e definitivo per salvare e proteggere la vita dei bambini a Gaza. Inoltre, chiede a tutti gli Stati di fermare immediatamente il trasferimento di armi, componenti e munizioni a gruppi armati israeliani e palestinesi poichè esiste il rischio che vengano utilizzate per commettere o facilitare gravi violazioni del diritto internazionale umanitario o dei diritti umani.

L’Organizzazione chiede inoltre a tutti i governi donatori e al resto della comunità internazionale di riprendere e aumentare i finanziamenti per l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione (UNRWA) il più rapidamente possibile.

Save the Children fornisce servizi essenziali e sostegno ai bambini palestinesi dal 1953. Il team dell’Organizzazione nei Territori palestinesi occupati lavora 24 ore su 24, predisponendo aiuti vitali per sostenere le persone bisognose e per trovare un modo per far arrivare assistenza a Gaza.

  

Per sostenere l’intervento di Save the Children in emergenza: 

https://www.savethechildren.it/dona-fondo-emergenze#form-start

 

Per informazioni:
Ufficio Stampa Save the Children

Tel. 3389625274 – 3409367952 – 3385791870 – 3316676827
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”