Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

IN THE HOUSE OF THE TREMBLING EYE

Maggio 17
09:58 2024

IN THE HOUSE OF THE TREMBLING EYE
UNA NUOVA GRANDE MOSTRA
A CURA DI ALLISON KATZ

30 maggio – 29 settembre 2024

 

ASPEN, COLORADO – In the House of the Trembling Eye è un’ampia mostra collettiva allestita dall’artista londinese Allison Katz nell’intera sede dell’Aspen Art Museum, organizzata in collaborazione con il Parco Archeologico di Pompei. In occasione del 45° anniversario dell’Aspen Art Museum e del 10° anniversario dell’edificio progettato da Shigeru Ban, la mostra mette in luce affinità inaspettate tra oltre cento opere d’arte e oggetti di stili diversi e di epoche diverse, celebrando l’inesauribile capacità della pittura di generare nuove conversazioni nel tempo.

Invitata a dare vita a una mostra che incorpora opere provenienti da collezioni d’arte personali di Aspen e dintorni, Katz affronta la curatela e il display come estensioni dell’atto stesso di dipingere. In the House of the Trembling Eye presenterà le sue opere, sia nuove che recenti, accanto a lavori di oltre cinquanta artisti e a una serie di frammenti di affreschi provenienti da Pompei. La fluidità e l’uso misto degli spazi negli ambienti domestici antichi, come quelli di Pompei, visti dall’artista come precursori del museo contemporaneo, diventano principi organizzativi chiave per l’architettura della mostra.

Le opere sono esposte all’interno di un ambiente appositamente progettato che innesta nel museo la disposizione delle antiche domus pompeiane, diversificando l’atmosfera su tutti e tre i piani dell’edificio. Facendo eco agli antichi metodi di coreografia dello sguardo attraverso il design architettonico, utilizzando corridoi, pavimenti rialzati, divisori e tende per orchestrare i movimenti e le interazioni dei visitatori, la mostra di Katz considera alcune delle questioni fondamentali delle immagini: come possono abitare un ambiente condiviso così come la mente di ciascuno, e come possono influenzare i modelli di pensiero passati e futuri.

Questa mostra sarà la prima in Nord America a unire l’arte contemporanea a questi antichi frammenti di affresco, molti dei quali non sono mai stati esposti negli Stati Uniti. Katz stabilisce relazioni formali e simboliche tra i frammenti antichi e le opere d’arte del XX e XXI secolo, mettendo a fuoco le connessioni emotive tra i loro soggetti attraverso la giustapposizione. Residui culturali, storia dell’arte e autobiografia entrano così in dialogo con la memoria, l’inconscio e le questioni di gusto.

Per oltre un decennio, Katz ha indagato i modi in cui le pratiche estetiche collegano e assorbono la narrazione personale, la cultura delle merci, la circolazione delle informazioni e la storia dell’arte. Il suo immaginario vario e spesso umoristico attraversa la pittura, i poster, la ceramica e le installazioni. È utilizzando l’atto di rivisitare e trasformare i propri motivi che l’artista crea un linguaggio e una discendenza da un’opera all’altra. L’allestimento di mostre è inestricabilmente legato alla pratica pittorica e spesso è un’opera d’arte in sé.

In the House of the Trembling Eye mette in primo piano questioni esistenziali e filosofiche che sono fondamentali per decifrare il potere della pittura, dall’autonomia del medium come oggetto discreto alla sua specificità in relazione a un luogo e alla sua mutevolezza in dialogo con un apparato espositivo. Per Katz, la superficie è profondità e la cornice è un portale per dare senso al mondo. La mostra propone uno studio sull’accrescimento infinito della pittura nel corso della storia. Nelle parole di Katz, “la pittura è per me un richiamo e una risposta, una domanda posta attraverso il tempo, le tecniche e le tradizioni per vedere chi e cosa risponde: perché al suo centro, la pittura è una conversazione”. Guidati dall’architettura della mostra, i visitatori si uniscono al coro di questi dialoghi, coinvolti nell’incessante performance di immaginazione della pittura.

 

In the House of the Trembling Eye è una mostra allestita da Allison Katz. La ricerca e lo sviluppo del concetto sono a cura di Katz e Stella Bottai, Senior Curator at Large, in dialogo curatoriale con Nicola Lees, Direttore Nancy e Bob Magoon, Daniel Merritt, Direttore degli Affari Curatoriali, e Simone Krug, Curatore dell’Aspen Art Museum. L’architettura della mostra è stata progettata da Katz con Caitlin Tobias Kenessey.

In the House of the Trembling Eye è organizzata in collaborazione con il Parco Archeologico di Pompei. La ricerca sulla mostra è stata sviluppata nel contesto della Digital Fellowship di Allison Katz nell’ambito del programma Pompeii Commitment. Archaeological Matters presso il Parco Archeologico di Pompei. Un ulteriore supporto alla ricerca è stato fornito dal Dipartimento di Studi Asiatici, Africani e Mediterranei dell’Università degli Studi di Napoli L’Orientale di Napoli.

Le mostre dell’AAM sono rese possibili dal Marx Exhibition Fund. Il sostegno generale alle mostre è fornito dal Toby Devan Lewis Visiting Artist Fund. Un ulteriore sostegno per In the House of the Trembling Eye è fornito dal National Council dell’AAM, con un ringraziamento speciale a Hauser & Wirth.

La mostra è accompagnata da un nuovo catalogo che uscirà nell’inverno 2024, con nuovi contributi di Nuar Alsadir, Stella Bottai, Saim Demircan, Hannah Johnston, Allison Katz e Ariana Reines. Il libro è progettato dallo Studio Mathias Clottu e reso possibile grazie al sostegno della Collezione ASOM.

Tra gli artisti in mostra ci sono: Gertrude Abercrombie, Rodolfo Abularach, Julio Alpuy, Janine Antoni, Herbert Bayer, Lynda Benglis, Kerstin Brätsch, Joan Brown, Maurizio Cattelan, Vija Celmins, Marc Camille Chaimowicz, Jonathan Lyndon Chase, René Daniëls, Marlene Dumas, Jana Euler, Sylvie Fleury, Lucio Fontana, Ellen Gallagher, Isa Genzken, Jeffrey Gibson, Robert Gober, Wade Guyton, Hugh Hayden, Eva Hesse, Damien Hirst, Jim Hodges, Roni Horn, Luchita Hurtado, Jacob Isaacszoon van Swanenburg, Rashid Johnson, Anish Kapoor, Allison Katz, Mike Kelley, Ellsworth Kelly, Bharti Kher, Karen Kilimnik, Yayoi Kusama, Nancy Lupo, Kerry James Marshall, Julie Mehretu, Joan Mitchell, Ephemera dello studio di Ron Mueck, Jill Mulleady, Elizabeth Murray, Alice Neel, Mary Obering, Elizabeth Peyton, Susannah Phillips, Gerhard Richter, Dorothea Rockburne, Ed Ruscha, Amy Sillman, Alina Szapocznikow, Paul Thek, Rirkrit Tiravanija, Fredrik Værslev, Cecilia Vicuña, Charline von Heyl, Cathy Wilkes, Lynette Yiadom-Boakye, Lisa Yuskavage e pittori murali pompeiani anonimi.

 

Orari del museo
Martedì-domenica, 10.00-18.00 Chiuso il lunedì

L’ingresso all’AAM è gratuito per gentile concessione di Amy e John Phelan.
Le mostre dell’AAM sono rese possibili dal Marx Exhibition Fund. Il sostegno generale alle mostre è fornito dal Toby Devan Lewis Visiting Artist Fund. Un ulteriore sostegno è fornito dal Consiglio nazionale dell’AAM.

Visitate l’AAM online: aspenartmuseum.org

CONTATTI PER LA STAMPA
Ufficio Stampa Parco Archeologico di Pompei
T. +39 081 8575327 | pompei.ufficiostampa@cultura.gov.it

Ufficio Stampa Pompeii Commitment. Materie archeologiche
PCM Studio di Paola C. Manfredi
Via Farini 70 | 20159 Milano | www.paolamanfredi.com
Francesca Ceriani | francesca@paolamanfredi.com T. + 39 340 9182004

Scott & Co
Lydia Earthy
lydia@scott-andco.com

ALLISON KATZ
Allison Katz è nata a Montreal, in Canada, nel 1980 e attualmente vive e lavora a Londra, in Inghilterra. Ha studiato Belle Arti alla Concordia University di Montreal e ha conseguito un master alla Columbia University di New York. Il lavoro di Katz indaga i modi in cui le pratiche estetiche collegano e assorbono l’autobiografia, la cultura delle merci, i sistemi informativi e la storia dell’arte. Le sue diverse immagini, tra cui galli, cavoli, bocche, fate e nasi, appaiono come simboli e icone ricorrenti che costruiscono una costellazione infinita di idee e riferimenti, che si trasmettono attraverso i mezzi della pittura, dei manifesti, della ceramica e delle installazioni. Katz ha ricevuto un ampio riconoscimento da parte della critica per la sua prima mostra personale itinerante nel Regno Unito, Artery, presso la Nottingham Contemporary (2021) e il Camden Art Centre (2022). La mostra è stata accompagnata dalla pubblicazione riccamente illustrata Artery, che si colloca a metà strada tra una monografia, un catalogo di mostra e un libro d’artista. Altre mostre personali recenti sono state presentate presso Hauser & Wirth West Hollywood, Los Angeles, CA (2023); il MIT List Center for the Arts, Cambridge, MA (2018); Oakville Galleries, Oakville, Canada (2018); Kunstverein Freiburg, Freiburg, Germania (2015). Tra le mostre collettive di rilievo ricordiamo The Milk of Dreams di Cecilia Alemani, La Biennale di Venezia, 59a Esposizione Internazionale, Venezia, Italia (2022); Mixing It Up: Painting Today, Hayward Gallery, Londra, Regno Unito (2021); The Imaginary Sea, Fondation Carmignac, Porquerolles, Francia (2021); Slow Painting, a cura di Hayward Touring, presentata al Leeds Museum and Art Gallery, Leeds, Regno Unito; Levinsky Galley, Plymouth, Regno Unito (2020); Maskulinitäten, Bonner Kunstverein, Bonn, Germania (2019); e Paint, Also Known as Blood, Museum of Modern Art, Varsavia, Polonia (2019).

ASPEN ART MUSEUM
Accreditato dall’American Alliance of Museums nel 1979, l’Aspen Art Museum è un museo d’arte contemporanea non collezionistico impegnato a livello globale. Dopo l’apertura nel 2014 della struttura museale progettata dall’architetto Shigeru Ban, vincitore del Premio Pritzker, l’AAM ha registrato un aumento delle presenze, una rinnovata interazione civica e l’attenzione dei media internazionali. Nel luglio 2017, l’AAM è stata una delle dieci istituzioni a ricevere la medaglia nazionale degli Stati Uniti per i servizi museali e bibliotecari per la sua attività educativa nelle comunità rurali della Roaring Fork Valley del Colorado e per i suoi partenariati di apprendimento con partner civici e culturali nel raggio di 100 miglia dalla sede del museo ad Aspen. È l’unico museo accreditato del versante occidentale del Colorado.

IL PARCO ARCHEOLOGICO DI POMPEI
Il Parco archeologico di Pompei è l’Istituto del Ministero della Cultura che gestisce e tutela gran parte del patrimonio culturale dell’area vesuviana.
Oltre all’area archeologica di Pompei, il Parco gestisce altri siti del territorio, caratterizzati dalla stessa storia, nonché dallo stesso tragico destino dell’eruzione del 79 d.C.. Si tratta della Villa di Poppea ad Oplontis, di Villa Regina a Boscoreale con l’Antiquarium, di Villa Arianna e Villa S. Marco e del Museo archeologico di Stabiae Libero d’Orsi presso la reggia di Quisisana a Castellammare di Stabia, che assieme costituiscono la Grande Pompei, un unico ampio parco diffuso. Alla gestione di questi siti si è unita, di recente, la tutela scientifica del Castello di Lettere e del Real polverificio Borbonico.
A partire da dicembre 2020, il Parco Archeologico di Pompei ha avviato un proprio programma di arte contemporanea a lungo termine, Pompeii Commitment. Archaeological Matters. Questo programma riconfigura il sito archeologico quale fondamento per forme alternative di conoscenza, definendo una molteplicità di funzioni – ricerca artistica curatoriale a distanza ed in situ (Digital Fellowship), contributi artistici digitali (Commitment), raccolta di testimonianze (Fabulae) e documenti (Historiae), collezione (Collectio), museo ipotetico e transdisciplinare (Inventario) – tutte in continua espansione, dedicate allo studio ed alla condivisione delle molteplici potenzialità conoscitive di Pompei.

UFFICIO STAMPA
Parco Archeologico di Pompei
via Plinio – 80045 Pompei (Napoli)
tel.: +39 081 8575327 – pompei.ufficiostampa@cultura.gov.it

web: www.pompeiisites.org

FaceBook: https://www.facebook.com/pompeiiparcoarcheologico/

Twitter: https://twitter.com/pompeii_sites

Instagram: https://www.instagram.com/pompeii_parco_archeologico/

YouTube: https://www.youtube.com/c/PompeiiSites79dc

TikTok:https://www.tiktok.com/@parcoarcheologicopompei

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”