Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

LA CONSULTA CITTADINA PER LA SALUTE MENTALE SULLO SGOMBERO DELLA EX LAVANDERIA

Marzo 09
18:21 2021

LA CONSULTA CITTADINA PER LA SALUTE MENTALE SULLO SGOMBERO DELLA EX LAVANDERIA E IL RIUTILIZZO DELL’EX O.P. S.MARIA DELLA PIETA’ 

 

La Consulta Cittadina Permanente per la Salute Mentale di Roma Capitale, riunitasi in seduta ordinaria il 4 marzo, manifesta, all’unanimità, sconcerto e preoccupazione, nel metodo e nel merito, per lo sgombero della Ex Lavanderia nel Complesso del Santa Maria della Pietà il 25 febbraio scorso. Lo sgombero è avvenuto mentre è in fase esecutiva un Piano che consegna il S.M. della Pietà alla ASL Rm1. Come sostiene anche la Caritas, il progetto istituzionale “ disattende la normativa nazionale vigente perché lo si vorrebbe trasformare in un grande polo sanitario, riallocandovi anche strutture psichiatriche residenziali e semi residenziali e azzerando la produzione di reddito”. Significativo che sia avvenuto in contemporanea con la fissazione dell’udienza del TAR per l’annullamento delle Delibere Regionali sul S.Maria della Pietà. Il ricorso fu presentato dall’Associazione Ex Lavanderia ed anche da alcune Associazioni di familiari (ARESAM e ARAP). L’Associazione Ex Lavanderia è stata un baluardo nel fronteggiare una gestione del S.Maria della Pietà discutibile ed arbitraria ed ha avuto un importante ruolo di proposta ed iniziativa per un uso corretto del Patrimonio nel rispetto delle Norme e dei Diritti dei Pazienti psichici. In tutte le proposte sostenute da migliaia di firme, ha fatto propria la richiesta di rispettare la Legge Nazionale che destina le risorse derivanti dalla dismissione dei manicomi ai Servizi territoriali Pubblici per la Salute Mentale, (L.724/1994 e 388/2000). La Consulta per la Salute Mentale, chiede alla Regione Lazio di sospendere gli atti esecutivi sull’intero Complesso; di restituire, in forma temporanea all’Ass. Ex Lavanderia la gestione del Padiglione 31; di tutelare l’esperienza di Cooperazione Integrata presente al Padiglione 41 anch’essa a rischio di chiusura. Chiede che venga sanata l’anomalia formale per cui un edificio a destinazione culturale è affidato in Proprietà all’Azienda Sanitaria. Ritiene che questi primi atti possano riaprire una discussione Pubblica e Trasparente sul futuro del S.Maria della Pietà a partire dalla Proposta di Legge Regionale presentata da 12.000 cittadini nel 2014 e mai discussa. Chiede al Comune di Roma di rispettare integralmente la Delibera 40/2015 che prevede l’uso prevalentemente socio-culturale del Comprensorio e di ricostituire la Consulta prevista dalla stessa Delibera 40 (ed in cui il nostro organismo è Componente di Diritto) nel rispetto del Regolamento Comunale sugli Istituti Partecipativi, ridando la sovranità alla Componente Civica a cui è stata sottratta. La Consulta per la Salute Mentale. Chiede che sia fatta luce sulle destinazione e gli usi del Patrimonio del S.Maria della Pietà e delle responsabilità della ASL Rm1 e delle Istituzioni coinvolte per la perdita di risorse pubbliche che per Legge erano destinate ai Servizi di Salute Mentale in particolare riguardo le opere del Giubileo 2000 e la mancata realizzazione del previsto Campus Universitario. Chiede a tutte le Istituzioni di costruire un Progetto di Riutilizzo all’insegna di una gestione Pubblica, Trasparente, Partecipata e rispettosa delle Norme. Con l’obiettivo di realizzare un Polo di eccellenza dell’Economia Sociale e Solidale che favorisca l’impresa sociale con l’ inserimento lavorativo per le persone con sofferenza mentale, come già immaginato nell’esperienza “Percorsi” e sperimentato nelle attività turistico ricettive del Giubileo 2000, (purtroppo smantellate dopo soli due anni). La Consulta denuncia come tutte le Istituzioni abbiano agito, negli anni, senza considerare le opinioni e i bisogni del mondo della Salute Mentale e auspica ci sia un radicale cambiamento di rotta. Affinché il S.Maria della Pietà rappresenti quel risarcimento a tutti coloro che hanno sofferto l’Istituzione Manicomiale, sia sul piano simbolico, trasformandolo in luogo di relazione e cultura, sia materialmente, rispettando la Legge 388/2000 e sostenendo i Progetti di Salute Mentale. 

 

Per la Consulta Cittadina Permanente per la Salute Mentale di Roma Capitale

Il Presidente Eugenio Ricci

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”