Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

La tragica storia degli Amanti di Teruel si trasforma in una gioiosa festa popolare

La tragica storia degli Amanti di Teruel si trasforma in una gioiosa festa popolare
Febbraio 22
08:08 2023
La tragica storia degli Amanti di Teruel si trasforma in una gioiosa festa popolare

Il matrimonio di Isabel de Segura rievoca una vicenda simile a quella di Romeo e Giulietta in Italia

Sono molte le storie d’amore con un finale tragico: alcune sono reali, altre sfiorano la leggenda; alcune hanno dato vita a capolavori della letteratura, come Romeo e Giulietta di Shakespeare ambientato a Verona (in Italia), forse il più conosciuto in tutto il mondo, anche se si tratta di una storia inventata; o la storia di Calisto e Melibea ne La Celestina di Fernando de Rojas; altre storie d’amore fanno parte della storia, come quella tra Giovanna la Pazza e Filippo il Bello. Ci sono poi gli amori nei luoghi più remoti: Agnese e Pedro a Coimbra (Portogallo), compreso il vassallaggio del cadavere di Agnese, l’amore incestuoso dei fratelli polacchi Anna e Stanislaw Oswiecimowie che ha ispirato un poema sinfonico di Mieczyslaw Karlowicz o quello di Liang Shanbo e Zhu Yingtai nella Cina del IV secolo che continua a essere ricordato anche 1.700 anni dopo. E anche storie d’amore che hanno ispirato grandi opere artistiche come quella dell’imperatore Shah Jahan che dedicò alla moglie Mumtaz Mahal quel gioiellino del Taj Majal come simbolo del loro legame immortale ad Agra (in India); o ancora la tomba di Abelardo ed Eloisa, forse la più bella delle oltre 70.000 del famoso cimitero parigino Père Lachaise, il più visitato al mondo, con quasi quattro milioni di visitatori l’anno; o il mausoleo in alabastro e bronzo, non meno bello, dedicato agli Amanti di Teruel nella chiesa di San Pedro, dono dello scultore Juan de Ávalos, dove attualmente riposano le spoglie di Diego de Marcilla e Isabel de Segura, le cui mani non si toccano mai come simbolo di un amore incompiuto.

Questa storia romantica e tragica ha dato origine anche a una vera e propria celebrazione che mobilita l’intera città aragonese e richiama decine di migliaia di visitatori in date sempre vicine a San Valentino (14 febbraio). I momenti salienti della storia vengono rappresentati da centinaia di attori e attrici in diversi luoghi di Teruel, dai suoi abitanti e da spettatori che indossano costumi medievali e contemplano la rappresentazione dell’amore e del dramma. La celebrazione è stata dichiarata Festival di interesse turistico nazionale e aspira a diventare presto di interesse internazionale. Teruel, inoltre, fa parte della rete “Europe in Love”, che riunisce una serie di città con storie d’amore che hanno in qualche modo “segnato” il loro territorio.

Una leggenda millenaria

La leggenda, o la storia, vuole che Isabel e Diego siano cresciuti e abbiano giocato insieme nella Teruel del XIII secolo. Entrambi provenivano da famiglie nobili, lei era la figlia di Don Pedro de Segura, un ricco mercante, e lui della famiglia Marcilla, anch’essa di nobile stirpe ma in declino. Quando i due bambini divennero grandi, il loro amore adolescenziale si rafforzò e  pensarono persino di sposarsi, un’idea che però non piacque al padre di Isabel, che non avrebbe permesso alla figlia di sposare qualcuno di un ceto inferiore al suo. Su insistenza di quest’ultimo si giunse a un accordo in base al quale Isabel avrebbe aspettato almeno cinque anni in modo che Diego ottenesse denaro e onori. Diego allora partecipò alle crociate contro i Mori e prese parte alla famosa battaglia di Las Navas de Tolosa nel 1212, una delle più importanti della Reconquista, vinta dai cristiani sui musulmani.

Mentre Diego combatteva e conquistava onori e ricchezze, Isabel rimase sola per cinque lunghi anni, aspettandolo e non sapendo quale sarebbe stato il suo destino. Si dice che i soldati di ritorno dalla battaglia di Muret, a cui partecipò anche Diego, riferirono che erano morti quasi tutti e uno di loro, apparentemente corrotto dalla famiglia Segura, che voleva far sposare la figlia il prima possibile, disse di aver visto Diego con i suoi occhi cadere in battaglia combattendo al fronte. Vedendo che i cinque anni concordati erano scaduti e che il padre la esortava a sposarsi, la giovane donna accettò allora la proposta di Don Pedro de Azagra, il potente signore di Albarracín. Il giorno in cui scadeva il termine della promessa che i giovani innamorati si erano scambiati, tutta la città si addobbò a festa per celebrare un grande fidanzamento. 

Il ritorno di Diego

Proprio quel giorno però Diego riuscì a tornare a Teruel sano e salvo, con l’illusione di potersi finalmente riunire alla sua amata Isabel. Il suono delle campane, la musica e i tumulti annunciarono che la città stava celebrando il matrimonio di Isabel de Segura con Don Pedro de Azagra. In quel momento, Diego pensò di essere pazzo di rabbia perché la sua amata non lo aveva aspettato. Anche se, in realtà, Isabel non aveva infranto l’accordo, essendo trascorsi i cinque anni concordati. Decise di andare a cercarla e di chiederle il bacio che aveva desiderato durante i lunghi e duri anni di battaglie. Si arrampicò sul balcone della neo-sposa e la svegliò per implorarla di darle quest’ultima prova d’amore. Ma Isabel si rifiutò perché non voleva offendere il marito appena sposato. A quel rifiuto fece esplodere il cuore di Diego, che cadde morto accanto a lei.

Secondo la storia, la sua strana morte sconvolse tutta la città, che accorse alle funzioni per l’anima di Diego. Isabel, addolorata per aver perso il suo vero amore, si intrufolò al funerale per potergli dare il bacio che gli aveva negato in vita. Si avvicinò al corpo del suo amato e lo baciò intensamente, ma questa volta anche il suo cuore venne meno e cadde morta sul cadavere di Diego. Le famiglie di entrambi e il marito di Isabel per un giorno, Pedro de Azagra, riconciliati dal dramma e dalla bella storia d’amore, decisero così di seppellirli insieme perché non si separassero mai più. E in questo modo riposano vicini ancora oggi.

Una rievocazione storica

Anche se la festa è conosciuta come “Gli Amanti di Teruel”, in realtà il suo titolo è “Il matrimonio di Isabel de Segura” (Las bodas de Isabel) e fa parte dell’Associazione Spagnola di Festival e Ricreazioni Storiche che conta più di 40 membri da tutta la Spagna. Questa celebrazione dell’amore sarà festeggiata nel 2023, e sarà un quarto di secolo (nel 2021 è diventata virtuale) da quando è stata rappresentata a Teruel per iniziativa di Raquel Esteban, una studentessa di Belle Arti di Teruel che ha ricercato e documentato le usanze dell’epoca medievale. Nel corso degli anni, Las Bodas de Isabel de Segura come festival è migliorato ed è cresciuto, con un programma completo che comprende mercati medievali, teatro, musica, danze, mostre e altre attività ricreative.

Oltre a poter assistere a passaggi caratteristici come l’ingresso delle truppe aragonesi nel cuore del centro storico, i visitatori possono ammirare mostre, concerti, degustazioni di prodotti tipici, laboratori artigianali, dimostrazioni di falconeria o di combattimento con la spada…

Più di 120 gruppi di attori e attrici partecipano alle scene principali: Sandra Grijalba sarà Isabel ed Elías Hernández interpreterà Diego. Marian Pueo è incaricato di dirigere le scene della storia degli amanti, come Il Consiglio di Teruel, Il matrimonio di Isabel, L’arrivo di Diego o Il funerale e la morte di Isabel, mentre Alfonso Pablo si occuperà delle scene “parallele”, che si svolgono intorno alle rappresentazioni della leggenda e inquadrano il contesto storico e sociale, oltre a consentire registri e temi diversi, come La Disputa de Dueñas, Juicios de Amor, Huérfanos de la Madre Frontonia o El Conciliábulo, tra le altre cose. Anche i più piccoli parteciperanno con scene e attività di animazione guidate da Sixto Abril, che coordina anche i laboratori di danza medievale. In totale ci saranno più di 60 spettacoli di attori dilettanti.

Las Bodas de Isabel “è stata tra le ultime grandi feste che si sono tenute nel 2020, prima della pandemia di coronavirus – ha commentato Emma Buj, sindaca di Teruel, durante la presentazione di questa edizione – quest’anno torniamo a come erano le feste un tempo, eventi che coinvolgono tutti i sensi perché si arriva a Teruel e si vedono subito il colore nelle nostre strade, l’atmosfera festosa, gli spettacoli teatrali, un mercato medievale e ciò che attrae è soprattutto vedere questa città trasformata in una città del XIII secolo”.

Un’ambientazione grandiosa

Un’ulteriore attrazione di questa festa è la cornice in cui si svolge, l’imponente città di Teruel, dove si trova il miglior esempio di arte mudéjar in Europa. La torre della cattedrale, così come le torri di San Salvador, San Martín e San Pedro, sono i gioielli di un insieme monumentale mudéjar che è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Dal belvedere della Torre del Salvador, risalente al XIII secolo, si possono contemplare tutta la bellezza e la maestosità dei paesaggi che circondano la città. Si consiglia inoltre di visitare l’Escalinata, un monumento architettonico, e di passeggiare nella Plaza del Torico, un luogo emblematico della città, dove si svolgono alcuni atti della cerimonia nuziale. Un altro luogo di interesse è l’Acquedotto di Los Arcos, dichiarato Bene di Interesse Culturale, o il popolare Paseo del Óvalo. E nelle vicinanze si trova anche il parco tematico Dinópolis, per vivere un’esperienza unica accanto ai dinosauri e far felici i più piccoli.

Ma tra una visita e l’altra bisogna trovare il tempo di assaporare la ricca gastronomia di questa regione, la cui principale fonte di ispirazione è di sicuro il maiale, da cui si producono salsicce e ottimi prosciutti, protetti dalla Denominazione di Origine del Prosciutto di Teruel. Tipiche sono anche le migas a base di pane e maiale, le zuppe all’aglio e l’agnello arrosto o ternasco, anch’esso vanta la Denominazione d’Origine; e altri piatti sostanziosi come il tradizionale Gazpacho de Pastor, la Caldereta de Pastor e le popolari Madejas. Infine, la pasticceria di Teruel comprende i deliziosi suspiros de amante, un dolce a base di formaggio e uova, ma anche meringhe, i famosi pastel borrachos o le celebri trecce di mudéjares.

 

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”