Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Libano: nel Paese i bambini che affrontano livelli di fame estremi aumenteranno del 14% nel 2023

Gennaio 03
18:03 2023

Libano: Save the Children, a meno che non vengano prese misure urgenti, nel Paese i bambini che affrontano livelli di fame estremi aumenteranno del 14% nel 2023

Dai dati recenti, il Libano è il paese con la sesta peggiore crisi alimentare a livello globale per quota di popolazione che soffre di insicurezza alimentare, dopo Sud Sudan, Yemen, Haiti, Afghanistan e Repubblica Centrafricana.

L’Organizzazione chiede azioni urgenti per evitare che il Libano diventi il paese con la prossima tragica emergenza fame.

Secondo i dati, il numero di bambini in Libano che dovranno affrontare livelli di fame estremi, aumenterà del 14% all’inizio di quest’anno, a meno che non vengano intraprese azioni urgenti. È questo l’allarme lanciato oggi da Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini e le bambine e garantire loro un futuro, che lavora nel Paese dal 1953.

Secondo l’Organizzazione, quattro bambini rifugiati libanesi e siriani su 10 nel Paese stanno affrontando un’insicurezza alimentare acuta elevata (Fase 3), nel sistema di classificazione della sicurezza alimentare acuta superiore anche all’IPC[1], causata da una crisi alimentare risultato di anni di instabilità economica e alimentata da shock climatici e dalla crisi alimentare globale.

Già dalla prima analisi sull’insicurezza alimentare acuta dell’IPC (settembre-dicembre 2022)[2] condotta in Libano, i dati mostravano che il 37% della popolazione libanese e siriana nel Paese, vive affrontando un’insicurezza alimentare acuta elevata, con oltre 306mila persone che che devono fronteggiare una grave carenza di accesso al cibo che potrebbe portare alla fame. Se non verranno intraprese azioni urgenti, si prevede che questi numeri aumenteranno dal 37% al 42% – con 354mila nella fase 4 dell’IPC – per il primo trimestre del 2023[3].

I dati fanno del Libano il paese con la sesta peggiore crisi alimentare a livello globale per quota di popolazione che soffre di insicurezza alimentare, dopo Sud Sudan, Yemen, Haiti, Afghanistan e Repubblica Centrafricana[4].

La crisi socio-economica nel Paese, ha spinto tre quarti della popolazione nella povertà, con frequenti interruzioni di corrente, una disastrosa epidemia di colera che si è diffusa nei paesi vicini e un peggioramento della crisi monetaria che ha deteriorato le condizioni di vita di milioni di persone.

“Dovevamo assicurarci di acquistare solo le cose essenziali più economiche. La nostra dipendenza è dai cereali e dal pane. Prima compravamo carne e/o pollo settimanalmente, ora sono beni che non possiamo permetterci. I miei figli hanno perso peso ed energia. Sono le parole che Fadwa*, una donna libanese di 38 anni madre di tre figli a Beqqa, ha raccontato a Save the Children.  La famiglia di Fadwa ha ricevuto assistenza in denaro dall’Organizzazione per il supporto nelle spese domestiche.

“La crisi in Libano è sempre più una crisi che colpisce i bambini. I primi cinque anni di vita di un bambino sono fondamentali e temiamo che senza cibo abbastanza nutriente, un numero crescente di bambini soffrirà di malnutrizione o addirittura morirà di fame. Le famiglie ci dicono che sono costrette a saltare i pasti o a ridurre il numero di pasti nutrienti per i propri figli. Occorre fare di più per evitare che il Libano diventi il paese con la prossima tragica emergenza fame” ha dichiarato Jennifer Moorehead, Director di Save the Children in Libano.

Save the Children opera in Libano dal 1953. Per oltre sei decenni, Save the Children ha utilizzato approcci basati sui diritti per aumentare l’accesso di bambini, adolescenti e giovani a un’istruzione di qualità; per rafforzare la partecipazione e la protezione dei minori a livello familiare, scolastico e comunitario e per aumentare la sicurezza alimentare e l’accesso a opportunità di sostentamento, acqua pulita e ripari adeguati.

*I nomi sono stati cambiati per proteggere l’identità degli intervistati.

Per ulteriori informazioni:
Tel. 06-48070063/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

[1] L’Integrated Food Security Phase Classification (IPC) è una scala globale riconosciuta a livello internazionale per classificare la gravità e l’entità dell’insicurezza alimentare e della malnutrizione utilizzando i dati esistenti (tassi di mortalità, GAM (Group Annuity Mortality), accesso al cibo e all’acqua, sicurezza, ecc.) per suddividere le aree geografiche in categorie. L’insicurezza alimentare acuta è classificata in cinque fasi: IPC Fase 1 è nulla/minima, IPC Fase 2 è stress, IPC Fase 3 è crisi, IPC Fase 4 è emergenza, IPC Fase 5 è classificata catastrofe/carestia.

[2] Tra settembre-dicembre 2022, si stima che un totale di 306.665 persone (6%) siano nella Fase 4 dell’IPC. Tra gennaio-aprile 2023, si stima che 47.000 persone passeranno dalla Fase 3 alla Fase 4 raggiungendo un totale di 354.000 persone (7%) nella fase 4 dell’IPC.

[3] Per calcolare la percentuale di bambini che si prevede saranno in crisi di fame (IPC Phase 3) nel 2023, Save the Children ha utilizzato il numero di persone che si prevede saranno in IPC Phase 3 e oltre tra gennaio-aprile, e lo ha incrociato con i dati sulla popolazione delle Nazioni Unite. La quota di bambini rispetto alla popolazione totale in Libano, secondo i dati del World Population Prospects 2022, è del 32,9%. Abbiamo applicato questa percentuale al numero previsto di persone nella fase 3 e nella fase 4 dell’IPC nel periodo gennaio-aprile 2023, che è 2.260.000, e abbiamo ottenuto la seguente cifra: 743.540. Il numero attuale di bambini classificati in IPC Phase 3 e IPC Phase 4 è 652.736, quindi l’aumento a 743.540 è del 14%.

[4] Il Libano è la sesta crisi alimentare mondiale a livello globale poiché, secondo i dati IPC recentemente pubblicati, il paese è al sesto posto in termini di percentuale della popolazione nella fase 3+.

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”