Notizie in Controluce

 Ultime Notizie
  • Rassegna corale per il Festival Moreschi 2024 Il Festival Moreschi è un tradizionale evento che è tornato a Monte Compatri per la sua 16a edizione organizzata dall’Associazione Alessandro Moreschi con il contributo del Photo Club Controluce, del...
  • Fiaccolata per la Pace: Grottaferrata si illumina la notte del 27 giugno Proseguono le iniziative avviate dal Comune di Grottaferrata per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della Pace, coinvolgendo la comunità in prima persone nell’esprimere collettivamente il proprio rifiuto verso tutte le...
  • Subito pienone per l’inaugurazione di “Velletri Libris” Subito pienone per l’inaugurazione di “Velletri Libris”: Gianluca Gotto e le sue domande in “Quando arriva la felicità” Mercoledì sera, nel Chiostro della Casa delle Culture e della Musica, ha...
  • ARDEA – INCENDIO IN ZONA SALZARE INCENDIO IN ZONA SALZARE – AGGIORNAMENTI E AVVISO ALLA POPOLAZIONE   Il Comune di Ardea è in stretto contatto con la Asl Roma 6 e l’Arpa Lazio dai primissimi minuti...
  • Cori modifica il proprio organigramma e funzionigramma L’Amministrazione comunale, per garantire una maggiore efficienza ed efficacia dei servizi erogati ai propri cittadini, con delibera di Giunta ha modificato il proprio organigramma e funzionigramma. Le modifiche più rilevanti...
  • LABARO: ADDIO ECOMOSTRO DI COLLI D’ORO LABARO, TORQUATI (MUN XV.): “ADDIO ECOMOSTRO DI COLLI D’ORO. OGGI AL CANTIERE PER LA DEMOLIZIONE CON SINDACO E ASSESSORE” “Addio all’ecomostro di cemento nel Parco di Colli d’Oro di Labaro...

Lo Sciame – Storia di un fallimento di Risacca Teatro – 18 e 19 aprile Spintime (Roma)

Lo Sciame – Storia di un fallimento di Risacca Teatro – 18 e 19 aprile Spintime (Roma)
Aprile 17
16:12 2024

Venerdì 19 Aprile ore 20:30
Sabato 20 Aprile ore 20:30
Auditorium “Josef Yemane Tewelde” di Spintime

Risacca Teatro
LO SCIAME
storia di un fallimento

regia Dario Costa
testo Aurora Di Gioia

con Giorgia Narcisi e Andrea Zatti

aiuto regia Daniele Tagliaferri
movimenti scenici Melita D’Uffizi

realizzazione scenografia Andrea Zatti
musiche e sound design Dario Costa

uno spettacolo di Risacca Teatro
in co-produzione con Spintime

Risacca Teatro presenta lo spettacolo Lo Sciame – Storia di un fallimento, che debutterà venerdì 19 e sabato 20 aprile alle ore 20,30 presso l’Auditorium “Josef Yemane Tewelde” di Spintime, co-produttore dello spettacolo.

A chi non è mai capitato di domandarsi se le scelte compiute fino a quel momento gli appartengano o se siano piuttosto il frutto dei sogni di qualcun altro e se, quindi, il futuro che gli si staglia davanti sia quello giusto oppure se è il caso di mettere un punto e ricominciare tutto daccapo? Chi non si è mai fermato a chiedersi: “Ma io… lo voglio?”

Elena è una eterna seconda che ha iniziato la sua carriera nel ciclismo per amore del padre. Antonio ci si è tuffato per passione ma da ex-gregario si ritrova ad allenare una squadretta di terz’ordine con il sogno di portare a casa la vittoria di un Tour de France. È proprio qui che si incontrano: lei ha trent’anni e non sa più se la strada che ha scelto è quella giusta, lui tutto vorrebbe meno che una ciclista stanca e confusa nella sua squadra. In questo contesto sconfortante, i due si ritroveranno ad affrontare insieme la bellezza di fallire.

Lo spettacolo affronta le tematiche della prestazionalità, della ricerca del successo ad ogni costo, degli inesorabili fallimenti che spesso non siamo in grado di accettare e dell’ansia o frustrazione che ne derivano, con cui dobbiamo convivere quotidianamente.

L’arco temporale copre dalla stagione invernale, quella degli allenamenti e delle corse minori, fino all’estate, quella dei giri più importanti e seguiti. Lo scorrere del tempo è definito dai cambi di abito, a vista, che i personaggi in scena sono costretti ad eseguire. Essi infatti sono come figurine svuotate dalla loro volontà le cui decisioni, parole, visioni sono completamente condizionate – per non dire imposte – da un sistema esterno e condiviso, impersonificato dalla TV in scena dalla quale si sente la voce di un cronista che parla loro con fare incalzante e provocatorio durante tutto l’atto unico. Lo stesso spazio scenico genera per loro alcuni oggetti con i quali dovranno interagire, obbligandoli a mostrare fragilità e trasfigurazioni come esseri malleabili e talvolta non consenzienti. Gli elementi di scenografia, oltre alla citata TV, sono due blocchi che rimandano sia ad un ambiente casalingo che ad uno sportivo, in uno spazio contaminato e mutabile che può essere attraversato e gestito a piacimento (di chi?).

Il lavoro con gli attori è stato molto specifico: abbiamo deciso di improntare la nostra ricerca partendo dalle persone prima ancora che dagli attori, in quanto la conoscenza personale tra Giorgia e Andrea, profondamente ampia e duratura, genera tra loro un livello di intimità unico. Si è partiti quindi da indagare analiticamente le loro dinamiche interpersonali per poi, semplicemente, applicare il testo dello spettacolo al già esistente, adagiandolo come un velo, un lenzuolo o una glassa sopra alla struttura predeterminata. Il testo, imposto anch’esso quindi, è infatti proiettato sul fondale, come nuvole di pensieri che devono trovare la forma verbale per concretizzarsi. Alternativamente, le visioni della mente (spesso offuscata) nei momenti non verbali trovano forma in video-immagini azionate dal movimento delle ruote della bici d’epoca, una Bianchi, in scena. Le parole proiettate fungono anche da filtro di comprensione qualora i rumori in scena, diegetici e non, si impongano con fare aggressivo: il sound design rappresenta infatti l’ansia che rende i due personaggi poco lucidi e poco presenti a loro stessi, quindi talvolta poco comprensibili. Per le musiche, si è scelto di comporre brani di genere Dark Ambient. Una terza dimensione, quella dell’astrazione dalla concretezza del corpo e della mente, si manifesta invece attraverso una vivida luce che per tutto il resto dello spettacolo rimane tenue e opprimente. Nel complesso, la regia è pensata come maieuticamente funzionale all’azione scenica.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

E-mail: risaccateatro@gmail.com
Whatsapp: +39 3922657799

Venerdì 19 Aprile ore 20:30
Sabato 20 Aprile ore 20:30
Auditorium “Josef Yemane Tewelde” di Spintime

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”