Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

L’UNHCR lancia un fondo per proteggere rifugiati e persone in fuga dagli shock climatici

Aprile 24
17:23 2024

24 Apr 2024

Un rifugiato maliano innaffia le piante in un orto coltivato da sfollati e popolazione locale a Ouallam, in Niger. © UNHCR/Colin Delfosse

L’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, ha lanciato oggi il Fondo per la resilienza climatica dell’UNHCR, con l’obiettivo di rafforzare la protezione dei rifugiati e delle comunità sfollate che sono maggiormente minacciate dai cambiamenti climatici.

Nell’ambito del suo lavoro di protezione e assistenza di oltre 114 milioni di persone costrette a fuggire, l’UNHCR lavora già sulla resilienza delle persone e per ridurre la loro vulnerabilità ai rischi, compreso l’impatto dei cambiamenti climatici. Per la prima volta, il Fondo finanzierà esclusivamente gli sforzi per proteggere le comunità sfollate più minacciate, mettendole in grado di prepararsi, resistere e riprendersi dagli shock legati al clima.

I contributi al Fondo aumenteranno la portata e l’impatto dell’azione climatica dell’UNHCR, consentendo all’agenzia e ai suoi partner di impegnarsi in progetti legati al clima nei Paesi in cui l’agenzia sta già rispondendo a situazioni di sfollamento forzato legate a conflitti importanti, come Bangladesh, Ciad, Etiopia, Kenya e Mozambico.

Il fondo aumenterà la disponibilità di risorse sostenibili dal punto di vista ambientale nei contesti di sfollamento, fornendo più energia pulita, ad esempio, per alimentare l’acqua, le scuole e le infrastrutture sanitarie utilizzate dai rifugiati e da chi li ospita. Sosterrà il ripristino dell’ambiente e investirà nella resilienza costruendo rifugi resistenti al clima, sostenendo mezzi di sussistenza intelligenti dal punto di vista climatico e riducendo l’impatto della risposta umanitaria sull’ambiente naturale.

“Gli impatti del cambiamento climatico stanno diventando sempre più devastanti, esacerbando sempre più i conflitti, distruggendo i mezzi di sussistenza e, in ultima analisi, innescando la fuga delle persone”, ha dichiarato Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati. “Molti dei Paesi che sono stati più generosi nell’accogliere i rifugiati sono anche i più colpiti dalla crisi climatica. I fondi disponibili per affrontare gli impatti del cambiamento climatico non raggiungono né chi è stato costretto alla fuga né le comunità che li ospitano”.

Il Fondo darà priorità ai progetti i cui effetti sono percepiti localmente e che coinvolgono le comunità colpite nella loro progettazione e attuazione, oltre ad allinearsi con le strategie climatiche e i piani di sviluppo nazionali.

I rischi climatici sono fortemente correlati ai conflitti e alla povertà che affliggono molti rifugiati e altre persone costrette alla fuga. Nel 2022, oltre il 70% dei rifugiati e dei richiedenti asilo è fuggito da Paesi altamente vulnerabili al clima. Circa il 60% delle persone costrette alla fuga e degli apolidi vive in Paesi fragili e/o colpiti da conflitti che sono tra i più vulnerabili ai cambiamenti climatici e i meno pronti ad adattarsi.

“Riducendo l’esposizione ai rischi legati al clima, garantendo l’accesso a risorse sostenibili e promuovendo l’inclusione, questi progetti miglioreranno concretamente le condizioni di vita, la sicurezza e il benessere dei rifugiati e di chi li ospita”, ha aggiunto Grandi. “Nello spirito del fondo loss and damage (perdite e danni) attivato alla COP28, l’UNHCR si impegna a sostenere e ad aumentare significativamente i finanziamenti per supportare l’azione per il clima in ambienti fragili.”

L’UNHCR mira a raccogliere 100 milioni di dollari per il Fondo entro la fine del 2025, per sostenere i rifugiati, le comunità ospitanti e i Paesi di origine più duramente colpiti dall’emergenza climatica e per promuovere l’inclusione dei rifugiati nelle misure legate al clima adottate a livello nazionale e locale. Il Fondo dovrebbe diventare un canale per i partner per contribuire alla programmazione climatica dell’UNHCR.

Informazioni aggiuntive sull’UNHCR:

L’UNHCR lavora per garantire protezione e sicurezza alle persone costrette a fuggire a causa di persecuzioni, violenze e violazioni dei diritti umani causate o aggravate dagli effetti negativi dei cambiamenti climatici e dei disastri naturali, e che necessitano di protezione internazionale. A tal fine, l’UNHCR ha recentemente lanciato il Piano strategico per le aree di intervento sul clima 2024-2030, un documento che definisce una tabella di marcia globale per le azioni prioritarie. Il piano ha fissato quattro obiettivi interdipendenti per la protezione, le soluzioni, la resilienza e l’adattamento da raggiungere con il supporto dei governi nazionali, insieme ai partner.

L’UNHCR ha collaborato con Climate Group per lanciare il Fondo per la resilienza climatica dell’UNHCR nell’ambito del Vertice statunitense sull’azione per il clima del 2024.

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”