Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Maggio di libri, letture fra saggi e racconti: Fare impresa a vent’anni” con un Concorso; i territori del sisma in Italia e “Natura cura” con piante officinali; il design in due libri. Il romanzo “Pupetta” di Philippe Vilain e i racconti di J. Cheever

Maggio di libri, letture fra saggi e racconti: Fare impresa a vent’anni” con un Concorso; i territori del sisma in Italia e “Natura cura” con piante officinali; il design in due libri. Il romanzo “Pupetta” di Philippe Vilain e i racconti di J. Cheever
Aprile 30
12:35 2023

Non è mai troppo presto! Fare impresa a 20 anni di Riccardo de Bernardinis, fondatore di Ernesto.it

Non è mai troppo presto! Fare impresa a 20 anni, Paesi Edizioni, racconta la scalata verso il successo del giovane startupper Riccardo de Bernardinis. L’imprenditore romano, inserito dalla rivista Forbes Italia nella classifica dei 30 under 30 del 2023, ha creato Ernesto.it, innovativa piattaforma digitale che mette in contatto gli utenti del web con i «professionisti della porta accanto»: artigiani, idraulici, elettricisti, antennisti, ma anche wedding planner, designer, chef a domicilio. Persone esperte che svolgono mestieri tradizionali e non, a portata di mano dell’utente in quanto localizzati nel suo stesso quartiere, figure di fiducia a cui rivolgersi se si verifica un guasto, un’emergenza o una necessità specifica. Il tutto in un’unica piattaforma.  Nel ripercorre la storia di questa startup, divenuta nel frattempo un brand capace di attrarre investimenti in Italia e in Sud America, Riccardo de Bernardinis offre un manuale per giovani startupper e imprenditori di ogni settore con nozioni, buone pratiche e trucchi per far partire e accelerare un percorso imprenditoriale: come catturare l’attenzione degli investitori con il pitch perfetto; come trasformare un’idea in un business plan; dove trovare gli investitori; quanto e come investire in pubblicità e marketing; che lezioni trarre dalle esperienze in Silicon Valley, dove l’Autore è stato per tre Programmi di accelerazione rivolti alle Startup ; l’importanza della SEO e dei social network; come costruire un team; su quali tecniche di comunicazione e vendita puntare e molto altro ancora.

«Ora che abbiamo un nuovo strumento nelle nostre mani, però, spetta a noi fare la parte che ci compete. L’interazione con le piattaforme digitali si fonda su un patto di fiducia: ecco perché consiglio ai consumatori di utilizzarle con spirito critico e consapevolezza (che si stia acquistando un prodotto, un servizio turistico o – come nel caso di Ernesto – l’opera di un artigiano). Perché possano «guadagnarci» sia loro, i professionisti, che noi, i consumatori», scrive Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, nella prefazione del libro.

Riccardo de Bernardinis Imprenditore digitale, romano, classe 1994, founder e ceo di Ernesto.it, marketplace per trovare professionisti per oltre 500 categorie di servizi. Inserito dalla rivista Forbes Italia nella classifica dei 30 under 30 del 2023, vive e lavora tra Roma, Milano e gli Stati Uniti.

Il concorso Il libro si conclude con il lancio di un Concorso: cliccando a questo link (www.riccardodebernardinis.com/application) i lettori potranno inviare la propria idea di business che verrà valutate dall’autore. Dieci di queste idee verranno poi selezionate e i vincitori riceveranno in premio una consulenza gratuita da parte dell’autore e potranno strutturare insieme a lui il loro progetto.   

Cosa ci salva da un terremoto? di Alberto Abbà. In cammino, nelle Terre Mutate, in cerca di una risposta

Il secondo libro della collana “Deviazioni”. Un percorso di ricerca, interrogativi, dubbi. Una collana “fuori rotta”. Prefazione di Francesco Senatore (Consigliere Nazionale FederTrek – Referente Cammini e Sentieri).

Dal 2009 al 2017 una serie di eventi sismici ha segnato il centro Italia modificandone la storia, il territorio, la vita degli abitanti. Alberto Abbà si cimenta nel racconto di quei luoghi colpiti dal terremoto con un nuovo libro, Edizioni Il Lupo (collana “Deviazioni”), che va oltre il concetto di una guida tradizionale, seguendo un itinerario personale compiuto a piedi, da Fabriano a L’Aquila lungo il tragitto delle “Terre Mutate”. Inciampando in cicatrici ma cogliendo anche una fioritura di rinascita, l’autore incontra persone, si interroga, si arresta per conoscere da vicino un’umanità ferita, ma di una profonda bellezza interiore che descrive l’impegno e la fatica compiute in questi anni per cercare di recuperare parte di una vita perduta. L’autore indaga sulle ferite di chi ha subito un sisma e si rivolge anche a chi non ha mai sentito tremare la terra. Un libro di speranza, costruito sui sogni di chi è riuscito a risollevarsi dopo una simile tragedia.

Alberto Abbà, piemontese, della zona delle Valli di Cuneo. La carta d’identità certifica la nascita in un tiepido maggio del 1976.  Diplomato in una scuola tecnica, laureato in Economia con l’interesse per il marketing e la comunicazione. Attualmente lavora nel settore non profit (nella raccolta fondi), dopo anni passati in azienda. Dal 2008 collabora con il “Corriere di Saluzzo” (settimanale locale) attraverso una rubrica di liberi pensieri dal nome che ne spiega il senso: “Fermo Immagine”. Un quaderno sempre a portata di mano, da sporcare all’occorrenza con l’inchiostro di quegli oggetti retrò chiamati penne o biro.

Natura Cura, nel meraviglioso mondo delle piante officinali con il libro di Pasquale D’Agostino

Con l’arrivo della primavera cresce la voglia di trascorrere il nostro tempo libero all’aria aperta e a contatto con la Natura. Il libro dello scrittore vibonese offre l’opportunità di vivere pienamente il rapporto con la Natura, attraverso le proprietà benefiche e curative delle piante officinali. Per millenni, le piante officinali e medicinali sono state l’unico rimedio efficace contro disturbi e malattie. La conoscenza approfondita delle loro caratteristiche e proprietà ha rappresentato un patrimonio diffuso sia in Oriente che in Occidente e un sapere indispensabile non solo per monaci di abbazie e conventi, ma anche per medici, scienziati, speziali e farmacisti, almeno fino all’avvento della chimica farmaceutica.

Pasquale D’Agostino, nel libro Natura Cura, ci guida alla scoperta del meraviglioso mondo delle piante officinali e delle loro proprietà salutari e curative. Un patrimonio inestimabile che la Natura mette a disposizione di tutti, un vero e proprio dispensario dove trovare gratuitamente tutto ciò che serve al benessere e alla cura del nostro corpo.  La passione dell’autore affonda le radici nell’infanzia e nell’ambiente che lo circonda: «Sono nato in un piccolo borgo a civiltà contadina nel vibonese – scrive – immerso tra gli uliveti e con una zona montana ricca di una fitta vegetazione nella quale si possono ammirare castagni, faggi e altri tipi di alberi e piante, dove ogni famiglia detiene vari appezzamenti di terreno agricolo. Fin da bambino, quando specialmente nel periodo primaverile sentivo il profumo della Natura che, con il suo risveglio, emana i suoi odori inebrianti, ero attratto nell’osservare le api che si posavano sui fiori degli aranci e degli altri alberi da frutto; (…) Arrivato all’età adulta, con la consapevolezza di una persona più matura, ho incominciato a studiare le piante e a sperimentare la loro efficacia. Osservando i risultati che si hanno nelle varie applicazioni rimanevo e rimango sempre più sorpreso di quanto la Natura ci possa far meravigliare attraverso i suoi doni». Il libro si concentra su sei piante officinali – l’Achillea (Achillea millefolium), l’Equiseto o Coda cavallina (Equisetum arvense), l’Ortica (Urtica dioica), la Salvia (Salvia officinalis), il Timo (Thymus serpyllum), l’Aloe Arborescens (Aloe Arborescens) – più altre complementari, indicate nei percorsi fitoterapici. Sono piante che crescono spontaneamente nei prati, nei campi incolti, nei boschi, lungo i sentieri di campagna. Alcune, come la Salvia, il Timo e l’Aloe Arborescens si possono coltivare in vaso, sul balcone o sul terrazzo, nell’orto o nel giardino di casa. In alternativa, quasi tutte, si possono acquistare essiccate nelle erboristerie specializzate.  Di ognuna, l’autore spiega dove trovarle, quando e come raccoglierle; le fasi di essiccazione e di conservazione, i disturbi che riescono a curare, le preparazioni, i dosaggi e le modalità d’uso per tisane, infusi, decotti, tinture, bagni, cataplasmi, pediluvi, ecc. Si indicano, a tal fine, due elettrodomestici, l’estrattore e l’ozonizzatore, che non tutti conoscono e che ogni famiglia dovrebbe avere. Sono un eccellente aiuto al benessere familiare e rispettano in maniera esemplare la funzionalità naturale. Grazie a due codici, chi acquista il volume potrà ricevere dall’autore, via e-mail o per telefono, assistenza gratuita di approfondimento su quanto trattato nel libro. Oppure, su richiesta, una consulenza personalizzata. Il libro è acquistabile sul sito www.natura-cura.it dove si può leggere un’intervista all’autore e trovare ulteriori informazioni. In più, il lettore riceverà il manuale Guida Eco al risparmio, con ricette e suggerimenti su come mantenere puliti e igienizzati gli ambienti domestici, utilizzando soltanto prodotti naturali. E in tempi di crisi, con i costi sempre crescenti, i benefici a costo zero offerti dalla Natura rappresentano una valida mano d’aiuto alle famiglie. Natura Cura è più di una introduzione alla fitoterapia (dal greco phyton = pianta e therapeia = cura). È un passepartout per un nuovo approccio green alla vita.

Design narrativo Fra immaginario e figurazione a cura di Stefano Giovannoni e Pattern & Design a cura di Alessandra Coppa e Anna Maioli, entrambi 24 ORE Cultura.

Design narrativo Fra immaginario e figurazione – Nel design narrativo l’azione del designer si sposta dal piano fisico al piano semantico, generando una lettura basata sullo spiazzamento del senso e della metafora, figure tipiche del linguaggio artistico. In questo modo un divano diventa una grande bocca, un appendiabiti assume le sembianze di un cactus, una sedia diventa un coniglio, una lampada da terra si trasforma in una giraffa che sostiene uno chandelier in stile Maria Teresa. Attraverso queste presenze fantasmagoriche, gioiose, misteriose e vibranti, l’inaspettato invade l’oggetto domestico, raccontando nuove possibili realtà. Secondo Andrea Branzi – noto architetto e designer italiano – l’approccio al design di cui è capostipite Stefano Giovannoni può definirsi figurativo, perché non cerca di “plasmare il mondo secondo un modello celestiale, e quindi astratto”, ma, al contrario, di “trasformare il paradiso secondo il modello umano. A molti anni dalla sua nascita, il design narrativo è ancora uno dei filoni più popolari e apprezzati del design, capace, con le sue forme spesso antropomorfe o zoomorfe, ironiche e divertenti, di conquistare un pubblico vasto e trasversale. Con testi di Fulvio Irace, Elisa Cattaneo, Stefano Giovannoni, Giovanna Mancini, tra le pagine del libro il lettore troverà un’inedita panoramica del design narrativo dai primi del Novecento a oggi, che offre spunti di riflessione su quella che è tuttora un’alternativa alla logica del design tradizionale, grazie alle conversazioni con Andrea Branzi, Alberto Alessi e Marcel Wanders e alle interviste a nomi affermati e nuovi della scena contemporanea, quali Marcantonio Raimondi Malerba, Fabio Novembre, Nika Zupanc, Job Smeets, Misha Kahn, Chris Schanck, Bertjan Pot, Audrey Large. Corredato da un ricco apparato fotografico, dalle testimonianze dei protagonisti e da una selezione di documenti d’epoca, il volume ricostruisce per la prima volta la storia di una tendenza che ha dato vita a vere e proprie icone che popolano le nostre case e si propone come testo di riferimento per gli studiosi e gli appassionati di design.

Stefano Giovannoni – industrial designer, interior designer e architetto, lavora come industrial designer, progettando numerosi bestseller e prodotti di successo commerciale che lo hanno premiato come “Campione del Super and Popular degli anni 2000” (Alberto Alessi), “Re Mida del design” (Cristina Morozzi), “Designer più bancabile” (Eugenio Perazza, Magis).

Pattern & Design, a cura di Alessandra Coppa e Anna Maioli, il volume che raccoglie per la prima volta gli esempi più significativi di pattern realizzati nell’ambito del design moderno e contemporaneo, a partire dal Bauhaus fino alle più recenti realizzazioni, includendo lavori di maestri quali Anni Albers, Gunta Stölzl, Ray Eames, Alexander Girard, Gio Ponti, Ettore Sottsass, Alessandro Mendini, Andrea Branzi. Tra le pagine del libro, compendio della decorazione dal movimento Moderno fino a oggi, si prendono in esame progetti realizzati su differenti supporti, dai tessuti alla carta, dalla ceramica alle materie plastiche, fino ai nuovi materiali. Il volume – che si rivolge a tutti gli appassionati dell’argomento, ma rappresenta anche uno strumento di consultazione utile a professioni del settore e a studenti di architettura e design – è arricchito da un ampio corredo iconografico, che presenta i temi maggiori legati ai pattern, dai motivi geometrici a quelli floreali e zoomorfi, fino alle sperimentazioni digitali più recenti.

Alessandra Coppa – architetto e giornalista pubblicista, è docente di “Storia dell’architettura contemporanea” presso il Politecnico di Milano e di “Storia e documentazione dei beni architettonici” presso l’Accademia di Brera. Autrice di saggi e libri sull’architettura contemporanea, è stata ideatrice e autrice di collane di architettura e design per il “Corriere della Sera”.

Anna Maioli – è autrice e curatrice di numerose pubblicazioni, tra cui Building Green Futures. Mario Cucinella Architects (Forma Edizioni, 2020), The Design City. Milano città laboratorio (progetto ideato per Salone del Mobile Milano, 2019), Spazi di relazione (per Fondazione Fiera Milano, 2022), Arassociati. Architetture milanesi (Forma Edizioni 2022). È ideatrice e curatrice della collana Paesaggio Italia, 12 volumi attualmente in pubblicazione per “La Repubblica” e “National Geographic”. Ha inoltre collaborato, con Alessandra Coppa, alla realizzazione della collana “Lezioni di Architettura e Design” (“Corriere della Sera”), 50 monografie dedicate ai maggiori architetti moderni e contemporanei.

In Birra scura e cipolle dolci i primi racconti di John Cheever

Birra scura e cipolle dolci, Racconti edizioni, di John Cheever che raccoglie racconti che Cheever scrive tra i venti e i trent’anni. Sono short stories imbevute di idealismo e della sua necessaria scia di disillusione, giovanili eppure di uno scrittore già formidabile, da principio pubblicate su riviste di sinistra con tirature risibili e poi via via su magazine sempre più alla moda come Co e Collier’s. In una nuova veste grafica e con l’introduzione di Christian Raimo, Birra scura e cipolle dolci torna a mostrarci un genio in erba.

Commessi viaggiatori al tramonto dei loro giorni di gloria e marxisti puritani che osservano gli altri bere e divertirsi mentre immaginano un’umanità nuova; una spogliarellista in là con gli anni e poi giocatori d’azzardo sempre alla ricerca di un’ultima possibilità. Cheever accarezza grazia e peccato, muovendosi tra case sfitte, inquilini che non pagano la pigione e torchi fermi da troppe stagioni. Personaggi e storie che, come sostiene Raimo, ci ricordano perché vale la pena leggere.

John Cheever (Quincy, 1912 – Ossining, 1982) è stato il Čechov dei sobborghi americani e l’Ovidio di Ossining. Per i suoi racconti ha vinto il premio Pulitzer, il National Book Award e il National Book Critics Circle Award.

Pupetta di Philippe Vilain, Gremese Editore

Romanzo ispirato alla figura di Pupetta Maresca che ne ripercorre la vita, dall’adolescenza fino alla scarcerazione nel 1965. Autore è Philippe Vilain, rinomato scrittore francese e direttore della collana “Narratori francesi contemporanei” di cui quest’opera, dal semplice titolo Pupetta, fa parte. Residente e innamorato di Napoli e della cultura partenopea da anni, Vilain – dopo le recenti pubblicazioni Napoli mille colori e Un mattino d’inverno – dedica il suo ultimo libro ad Assunta Maresca, un personaggio balzato alle cronache nazionali per una vicenda che è un perfetto mélange di amore, onore e vendetta passionale. Assunta Maresca cresce nella Napoli degli anni Cinquanta, in un quartiere dove la violenza era all’ordine del giorno: Materdei. Giovane, bella, ambiziosa e con il desiderio di diventare un’attrice, nel 1954 incontra Pasquale – “Pascalone ‘e Nola” per i colleghi camorristi – e se ne innamora convolando a nozze. Appena ottanta giorni dopo il matrimonio, Pasquale viene assassinato da un clan rivale e Pupetta, che nel frattempo ha saputo di essere incinta, rimane improvvisamente vedova prendendo però una drastica decisione: vendicare se stessa e il marito. Ha così inizio la carriera di “Madame Camorra” che Vilain indaga e descrive ricostruendone la natura e restituendone quella determinazione che ha dato spunto anche alla realizzazione di film e serie tv.

La presentazione in anteprima del romanzo Pupetta avrà luogo all’Institut français di Napoli giovedì 8 giugno alle ore 18:00. Insieme all’autore interverrà la prof.ssa Emilia Surmonte.

Philippe Vilain è docente di letteratura francese all’Università Federico II di Napoli. La sua produzione letteraria è molto studiata in ambito universitario, come dimostra la monografia recentemente pubblicata da Francesco Paolo Alexandre Madonia  Philippe Vilain, l’amour en ses discours (Mimesis). Vilain è autore di romanzi di grande successo, pubblicati in Francia da Gallimard, Grasset e ultimamente da Laffont. Tra questi, sono editi in Italia da Gremese: Falso padre (2009), Non il suo tipo (2012, adattato per il cinema da L. Belvaux e premio internazionale “Scrivere per Amore”), La moglie infedele (2013, in Francia premio Jean-Freustié), La ragazza dalla macchina rossa (2018), Un mattino d’inverno (2020) e Napoli mille colori (2021). Ha curato volumi collettivi (Bella Italia, 2022, ed Écrivains d’Italie, 2023) e scritto saggi come il Quadernetto sulla timidezza (2011, Gremese) e La Littérature sans idéal (2016, Grasset). 

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”