Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Il ritorno del grande Lupu all’Auditorium

Il ritorno del grande Lupu all’Auditorium
Dicembre 04
17:28 2015

Stagione Sinfonica 2015-2016
Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia
Sabato 12 dicembre ore 18 – lunedì 14 novembre ore 20,30 – martedì 15 dicembre ore 19,30

Radu Lupu, uno dei maggiori pianisti viventi e Fabio Luisi, direttore italiano di prestigiosa carriera internazionale, affrontano nella Stagione Sinfonica dell’Accademia (Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia – Sabato 12 dicembre ore 18 – lunedì 14 novembre ore 20,30 – martedì 15 dicembre ore 19,30) un concerto di grande richiamo per ogni vero appassionato di musica classica.

Interprete mozartiano per eccellenza, Radu Lupu suonerà il Concerto per pianoforte K467 di Mozart, composto insieme ad una serie di quattordici concerti per pianoforte, tra il 1783 e il 1787 e che hanno in comune numerosi caratteri espressivi e formali così caratterizzati dallo stesso Mozart in una lettera di quegli anni: « … sono esattamente una via di mezzo tra il troppo difficile e il troppo facile; brillanti, gradevoli all’orecchio, naturali senza cadere nel vuoto».

Nella seconda parte Luisi dirigerà l’Orchestra di Santa Cecilia nella Sinfonia n. 4 di Bruckner l’unica del compositore ad avere un titolo, “Romantica”. A tal proposito è facile pensare – vista anche l’evidenza che ha la sezione dei corni in questa partitura – ad immagini cavalleresche, a scene di caccia e a paesaggi dalle inconfondibili tinte evocative; insomma ad un mondo, quello romantico appunto, che tanta ispirazione diede ai compositori del XIX secolo.
Nato a Genova nel 1959, Fabio Luisi ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di quattro anni e si è diplomato al Conservatorio “Niccolò Paganini” nel 1978. In seguito ha compiuto studi di direzione orchestrale con Milan Horvat presso il Conservatorio di Graz.

Vincitore di un Grammy Award (2013) per la categoria “Best Opera Recording”, è attualmente Principal Conductor del Metropolitan Opera e General Music Director dell’Opera di Zurigo.

Recentemente ha terminato il suo mandato di Chief Conductor dei Wiener Symphoniker, dove è stato onorato con la “Golden Bruckner Medal” e il “Golden Bruckner Ring”.

Ha ricoperto diversi ruoli, quale General Music Director della Staatskapelle di Dresda e della Sächsischen Staatsoper (2007-2010), Direttore Artistico del Lipsia Mitteldeutscher Rundfunk (1999-2007), General Music Director dell’Orchestre de la Suisse Romande (1997-2002), Principal Conductor della Tonkünstler Orchester di Vienna (1995-2000) e Direttore Artistico della Graz Symphony (1990-1996). Mantiene inoltre una fitta rete di collaborazioni con orchestre internazionali e compagnie d’opera, e ha lavorato con Bayerischer Rundfunk, Wiener Philharmoniker, Chicago Symphony, Boston Symphony, Philadelphia Orchestra, San Francisco Symphony, Royal Concertgebouw Orchestra, Orchestre de Paris, Philharmonia di Londra, NHK Symphony di Tokyo, Filarmonica di Monaco, Orchestra Santa Cecilia di Roma e Mahler Chamber Orchestra. È inoltre ospite abituale della Staatsoper di Vienna, della Bayerische Staatsoper, della Deutsche Oper e della Staatsoper di Berlino. Nel 2002 ha debuttato al Festival di Salisburgo con Die Liebe der Danae di Richard Strauss, ritornando la stagione successiva con Die ägyptische Helena dello stesso compositore.

Recentemente ha diretto al Metropolitan Opera Madama Butterfly di Puccini e La Cenerentola di Rossini trasmesse in diretta nelle sale cinematografiche di tutto il mondo per la celebre serie Live in HD del Met. Nella sua seconda stagione alla guida del Teatro dell’Opera di Zurigo, ha debuttato con nuove produzioni del Fidelio di Beethoven e dell’Aida di Verdi e ha diretto le riprese de La straniera di Bellini, Les contes d’Hoffmann di Offenbach e Don Carlo di Verdi con René Pape, opera ripresa anche alla Scala nell’ottobre 2013. Impegnato tanto in campo sinfonico quanto in quello operistico, ha diretto cinque concerti con la Filarmonica di Zurigo, ha debuttato con la London Symphony Orchestra ed è tornato alla guida della Royal Concertgebouw Orchestra, dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e della Cleveland Orchestra.

La sua vasta discografia comprende anche opere rare di Verdi (Gerusalemme, Alzira e Aroldo), La locandiera di Salieri, I Puritani di Bellini, una registrazione per Deutsche Grammophon de I Capuleti e i Montecchi di Bellini e il repertorio sinfonico di Honegger, Respighi e Liszt. Ha inciso tutte le sinfonie e l’oratorio Das Buch mit sieben Siegeln del trascurato compositore austriaco Franz Schmidt e diverse opere di Richard Strauss per Sony Classical; è stato inoltre premiato per la Nona Sinfonia di Bruckner eseguita con la Staatskapelle di Dresda.
Radu Lupu è nato in Romania ed ha iniziato gli studi di pianoforte all’età di 6 anni, con Lia Busuioceanu, debuttando in pubblico a soli 12 anni con un programma completo di musiche da lui stesso composte. Per diversi anni continuò gli studi con Florica Muzicescu e Cella Delavrancea finché, nel 1961, vinse una borsa di studio per il Conservatorio di Mosca, dove studiò con Galina Eghyazarova, Heinrich Neuhaus e, più tardi, con Stanisalv Neuhaus.

È vincitore di tre importanti concorsi, il Van Cliburn 1966, l’Enescu International 1967 ed il Concorso di Leeds 1969.

Radu Lupu suona regolarmente con le più importanti orchestre internazionali, inclusi i Berliner Philharmoniker, con cui, nel 1978, fece il suo debutto al Festival di Salisburgo, sotto la direzione di Herber von Karajan, i Filarmonici di Vienna, con cui inaugurò il Festival di Salisburgo 1986 sotto la direzione di Riccardo Muti, la Royal Concertgebouw Orchestr, le maggiori orchestre londinesi e tutte le grandi orchestre americane. I suoi primi importanti concerti negli Stati Uniti ebbero luogo nel 1972 con la Cleveland Orchestra diretta da Daniel Barenboim a New York e con la Chicago Symphony Orchestra diretta da Carlo Maria Giulini. È stato ospite di tutti i più importanti festivals musicali ed ospite regolare dei Festivals di Salisburgo e di Lucerna.

Le sue incisioni discografiche per Decca includono i Concerti per Pianoforte di Beethoven, il Concerto n. 1 di Brahms, i Concerti di Grieg e di Schumann, l’integrale delle Sonate per violino e pianoforte di Mozart con Szymon Goldberg, le Sonate per violino e pianoforte di Debussy e di Franck con Kyung Wha Chung e opere per pianoforte solo di Beethoven, Brahms, Schumann e Schubert. Nel 1995 ha vinto due premi nella categoria “Best Instrumental Record of the Year”: un Grammy per le Sonate D664 e D960 di Schubert e un Premio Edison per Kinderszenen, Kreisleriana e Humoresque di Schumann.

Ha inciso due dischi con Murray Perahia (CBS), due albums di Lieder die Schubert con Barbara Hendricks (EMI) ed un disco di brani di Schubert  a quattro mani con Daniel Barenboim (Teldec).

Radu Lupu ha tenuto concerti con la London Symphony Orchestra (Sir C. Davis), con la Chicago Symphony (Muti), con la New York Philharmonic (von Dohnany), con la Boston Symphony (von Dohnany), con l’Orchestre de Paris (Honeck), con la Budapest Festival Orchestra (Fischer), con la RSB (Janowski), con la Staatskapelle Berlin (Barenboim).

Nel 2006 Radu Lupu ha ricevuto il Premio Internazionale Arturo Bendetti Michelangeli e, dopo il riconoscimento del 1989, per la seconda volta, il Premio Abbiati, per le sue interpretazioni di Schumann.

Stagione Sinfonica 2015-2016
Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia
Sabato 12 dicembre ore 18 – lunedì 14 ore 20,30 – martedì 15 dicembre ore 19,30
Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Fabio Luisi direttore
Radu Lupu pianoforte

Mozart           Concerto per pianoforte n. 21 K 467
Bruckner        Sinfonia n. 4 “Romantica”

Biglietti da 19 a 52 euro
Botteghino Auditorium Parco della Musica
Viale Pietro De Coubertin – Infoline: tel. 068082058

Scritto da Antonio Di Bartolo

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Luglio 2022
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”