Notizie in Controluce

Rocca Priora ghiacciaia di Roma

 Ultime Notizie

Rocca Priora ghiacciaia di Roma

Rocca Priora ghiacciaia di Roma
Gennaio 17
16:38 2017

Rocca Priora ghiacciaia di Roma
-per non dimenticare-

“La memoria è il ricordo di esperienze vissute o mitizzate da una collettività vivente della cui identità fa parte integrante il sentimento del passato”

Un documentario di Filippo De Masi

Intervengono: Claudia Bettiol “Il miracolo della neve ad agosto”
Proiezione del video di Sandro Righi “La festa della Madonna della Neve”

Presenta LUCIANA VINCI

VENERDì 20 gennaio 2017
ORE 17.30

SALA POLIFUNZIONALE LE FONTANACCE
Rocca Priora (Rm)

IMPORTANTE: SI PREGA DI NOTARE CHE L’EVENTO SI SVOLGERA’ ALLE FONTANACCE, anzichè Biblioteca, causa problemi logistici e tecnici.
A seguire aperitivo a cura della Pro Loco Rocca Priora
ingresso libero

IL DOCUMENTARIO: La memoria è il ricordo, o l’insieme dei ricordi, più o meno consci, di esperienze vissute o mitizzate da una collettività vivente della cui identità fa parte integrante il sentimento del passato.
La memoria collettiva, punto focale dell’esistenza di un popolo o di una società, deve essere trasmessa per fare in modo che l’enorme bagaglio di conoscenze accumulate nel corso della storia, non vadano perse ed anzi, siano di insegnamento per le generazioni future. Secondo il detto latino historia magistra vitae, testis temporum, è inevitabile che dimenticando il passato, si ripetano gli stessi errori, occorre invece tenere viva la memoria storica da una generazione all’altra perché il passato non si ripeta due volte nello stesso modo.
“Per non dimenticare” è una serie di otto documentari, della durata di circa 50 minuti l’uno, che si pongono l’obiettivo di riportare alla luce costumi, mestieri e tradizioni che, con l’evoluzione e la modernizzazione, si sono persi, restando solo nella memoria di persone, ormai in età avanzata che probabilmente sentono il bisogno di lasciare una traccia viva del loro vissuto. Ascolteremo alcune di queste testimonianze dalla viva voce dei protagonisti di un tempo ancora non troppo lontano.
Un’attenta indagine ci porterà a conoscere, ad esempio, i trascorsi di quanti custodivano la neve nei pozzi dei “castelli romani” a Rocca Priora che, durante l’estate, veniva portata nella capitale per alimentare le ghiacciaie dei locali pubblici e di quanti potevano permettersele. Fino a cento anni fa, infatti, non essendo ancora disponibile l’elettricità nelle abitazioni, senza frigoriferi elettrici, per custodire cibi e bevande si adoperava una sorta di mobili refrigeranti alimentati a barre di ghiaccio solido. Questo prezioso elemento veniva portato e venduto nelle città da luoghi freddi ogni mattina. A rifornire di ghiaccio Roma erano soprattutto i roccaprioresi che, vivendo a circa ottocento metri di altezza e potendo contare su abbondanti nevicate nel corso degli inverni assai freddi, riuscivano a custodire la neve anche nei mesi estivi, stipandola con della paglia in profonde fosse sparse lungo la via Tuscolana. Oggi, con l’arrivo dell’elettricità alternata in ogni abitazione ovviamente questo lavoro non è più richiesto e le fosse per la neve sono state ricoperte da terra e materiali di riporto. Ma questo è solo uno dei tanti esempi di mestieri che sono spariti.

FILIPPO DE MASI: Personalità poliedrica e versatile, figlio d’arte, Filippo inizia giovanissimo la sua lunga carriera cinematografica come doppiatore di serie tv, film e cartoni animati. Negli Anni 90 Si diploma al Centro Sperimentale e l’anno successivo entra alla RAI- Radio Televisione Italiana, dove lavora come speaker, assistente al programma e regista per una serie di fortunati programmi televisivi e radiofonici. Tra gli altri, è regista di Alle falde del Kilimangiaro, Voyager, A come Avventura e Obiettivo Pianeta. E’ inoltre sceneggiatore e autore di una biografia sul padre, il compositore e musicista Francesco De Masi, al quale ha dedicato un Cinevento e in onore del quale ha curato per Beat Records una raccolta delle sue colonne sonore.

 

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento