Notizie in Controluce

T. S. Eliot a cura di Angelo Tonelli

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

T. S. Eliot a cura di Angelo Tonelli

Luglio 20
14:11 2011

Leggo solo ora il bel volume de La terra desolata e dei Quattro quartetti di T. S. Eliot curato da Angelo Tonelli per Feltrinelli nel 1995 e ripubblicato, in nuova edizione, nel 2010. L’apparato di note, discretamente ricco, riassume senza patemi le interpretazioni correnti dell’esegesi italiana, la quale vien dietro a quelle americane e inglesi. Tornano utili gli emendamenti di Tonelli e soprattutto l’accento ch’egli pone alla troppo trascurata (e non solo in Italia) influenza che il Buddhismo ha esercitato sugli scrittori modernisti maggiori, Eliot incluso. Ho apprezzato poco la pseudo-introduzione di Czes³aw Mi³osz che precede quella ben più puntuale di Tonelli: si tratta piuttosto d’un necrologio, un résumé della ricezione di Eliot in Polonia, con osservazioni sostanzialmente fuori luogo rispetto all’opera eliottiana, interessanti più per gli slavisti e gli amanti di bizzarre interpretazioni d’autore che per chi voglia godere dei versi del grande autore americano. Avventurarsi a tradurre La terra desolata e i Quattro quartetti è una sfida non da poco, trattandosi di versi ch’ânno influenzato e tuttora copiosamente influenzano la prosa d’alcuni dei più acclamati narratori contemporanei di lingua inglese. Il primo poemetto uscì nel 1922 e fece epoca; maggiore perplessità suscitano a tutt’oggi i Quartetti, anche per la svolta religiosa e ideologica di Eliot che ne precedette l’uscita tra il 1936 e il 1942. Se per un verso il carattere ermetico de La terra desolata testimonia lo spirito d’un tempo in cui l’uomo è pungolato dalla caduta dei valori supremi e abbandonato alla frammentarietà delle sue emozioni e dei saperi, l’unità contraddittoria cui aspirano i Quartetti sembran rigettare l’uomo moderno in un’oscurità epocale, la quale, se volessimo ridurla al buco nero in cui caddero milioni di uomini sterminati tra il 1939 e il 1941, dovremmo trascurare, per miopia retrospettiva, che il piano dell’opera e la sua composizione precedettero gli eventi più cruenti della Seconda guerra mondiale. >A fondo dei Quartetti è riposta una concezione puritana quale fu splendidamente riassunta negli anni immediatamente precedenti e contemporanei da Perry Miller in due libri divenuti celebri: Orthodoxy in Massachusetts, 1630-1650 (1933) e The New England Mind: The Seventeenth Century (1939). Nell’apparato critico di Tonelli non ve n’è traccia, nella misura in cui i suoi riferimenti bibliografici si rifanno perlopiù – benché non esclusivamente – alle fonti esegetiche italiane ch’egli cita e per le quali l’adesione alla cittadinanza inglese e all’Anglicanesimo di Eliot la fan da padroni, così come i rimandi espliciti all’Alighieri, a scapito della concezione della Grazia puritana dei Padri Pellegrini (diversa da quella del Puritanesimo inglese e del Calvinismo, cui essa trasse origine, e dell’Anglicanesimo cui Eliot si convertì a suo modo, avvicinandosi sempre più a posizioni cattoliche nel secondo dopoguerra). In questa non priva di cupa ironia smorta luce puritana, fatta di un’improvvisa ‘illuminazione’ estrinseca dall’umana volontà e spesso oscura alla coscienza, i Quartetti risultano più interessanti e comprensibili, seppur non se ne condividano le tesi. I continui riferimenti alla chirurgia dell’anima costituiscono l’andante dei sermoni secenteschi della Nuova Inghilterra, così come le immagini agostiniane e le contraddizioni dei Quartetti. Nelle sue traduzioni, Tonelli predilige l’aspetto declamatorio dei testi eliottiani, senza attenersi pedissequamente alla metrica e alla versificazione degli originali. E fa benissimo, soprattutto per la capacità propria nel disporre gli accapo e rendere una certa fluidità a testi che, memorabili nell’originale inglese, son ricchi di citazioni e si riallacciano ad una tradizione linguistica che non è la nostra. Questa di Tonelli mi sembra la più bella traduzione in italiano delle due opere maggiori di Eliot poeta. Traduzione che mi sento di consigliare a chi non ritenga che la poesia sia solo un’oscura selva di simboli, nei quali può comunque avventurarsi attingendo a introduzioni e note che arricchiscono il volume.

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento