Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

White forest records, l’elettronica de noantri

White forest records, l’elettronica de noantri
Luglio 03
19:20 2014

capibaraLe “vacanze romane” del circolo degli artisti di via casilina vecchia a Roma, si riempiono di musica, partendo subito ad alti livelli. Nella sera del 2 luglio già si respira aria d’estate a ritmo di una session di 4 artisti digitali per una piccola maratona di campionature.

La White Forest Record, nascente etichetta discografica digitale, nella persona fisica di Lorenzo “Santaemorragia” presente nella sera del debutto, tira fuori il meglio delle sue ultime 16 produzioni presenti sul sito web ed in vendita negli store internet, presentando al pubblico romano in ordine: Yakamoto Kotsuga, Go Dugong e Plastic Toys, insieme all’artista Capibara, che per l’occasione presenta anteprime del suo ultimo lavoro discografico “Jordan”.
Una serata in compagnia di suoni e voci campionate e missate per un effetto ipnotizzante tra suoni e rumori del nuovo millennio e antiche tracce acustiche tra suadenti voci di donne, echi dell’africa nera e nostalgiche cantanti rap stile ’90.
Ma non solo questo, anche pure sperimentazioni sonore e interessanti varianti tra l’house e la tecno, questo nei lavori di questi nuovi musicisti 2.0, tutti esclusivamente con il marchio made in italy, anche questa è la politica dell’etichetta, che per l’occasione e con l’aiuto dello staff del Circolo, si è formalmente presentata in pubblico ai romani. Una scoperta, un disco al mese, per esplorare il mondo dell’elettronica di casa nostra.
Qualche info in più sul sito whiteforestrecords.com.

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Luglio 2022
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”