Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

REPORT GLOBALE SULLE CRISI ALIMENTARI

Aprile 24
15:16 2024

REPORT GLOBALE SULLE CRISI ALIMENTARI: OLTRE 280 MILIONI DI PERSONE COLPITE, IN AUMENTO DEL 9%. DONNE E BAMBINI I PIÙ VULNERABILI.

NEL 2023 LA GUERRA È STATA LA CAUSA PRINCIPALE DELL’INSICUREZZA ALIMENTARE NEI PAESI ESAMINATI, SEGUITA DA CRISI CLIMATICA E DISUGUAGLIANZE.

APPELLO AL G7: FAME ZERO, BASTA PERDERE TEMPO! URGENTE AGIRE SULLE CAUSE E FINANZIARE GLI AIUTI UMANITARI NELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA.

  • 281,6 milioni di persone in 59 Paesi sono gravemente colpite da insicurezza alimentare acuta.
  • Il numero di persone che affrontano queste condizioni è aumentato di 24 milioni dal 2022 al 2023.
  • In 32 dei Paesi esaminati, più di 36 milioni di bambini sotto i cinque anni soffrono di malnutrizione acuta.
  • La grave escalation del conflitto in Sudan dall’aprile 2023 e nella Striscia di Gaza dall’ottobre 2023 ha portato a crisi alimentari devastanti.
  • Azione contro la Fame è presente nei Paesi con il maggior numero di persone che affrontano alti livelli di insicurezza alimentare e rivolge un appello ai leader globali perché agiscano urgentemente.

Milano, 24 aprile 2024. Secondo il Global Report on Food Crises pubblicato oggi, il numero di persone che si trovano ad affrontare alti livelli di insicurezza alimentare acuta sta crescendo per il quinto anno consecutivo: oltre 280 milioni di persone in 59 Paesi. Si tratta di 24 milioni di persone in più rispetto all’anno precedente – un aumento di oltre il 9%.

Il rapporto, che analizza 59 Paesi colpiti da crisi alimentari a livello globale, è pubblicato dalla Rete globale contro le crisi alimentari, fondata dalle Nazioni Unite e dalla Commissione Europea.

La fame nel mondo ha raggiunto proporzioni drammatiche: Azione contro la Fame invita la comunità globale ad agire urgentemente affinché vengano soddisfatti i crescenti bisogni umanitari, agendo al contempo sulle cause strutturali.

FAME ZERO: BASTA PERDERE TEMPO!

È l’appello con cui l’organizzazione chiama ad agire i leader globali, a cominciare dal G7, rivolgendo loro specifiche raccomandazioni, che i cittadini possono sostenere a questo link: bit.ly/zero-fame-firma-ora

 Garantire la protezione dei civili dalla fame e l’azione umanitaria salvavita nei conflitti.

  • Finanziamenti per il clima e per la transizione verso sistemi alimentari sostenibili.
  • Politiche di protezione sociale per sconfiggere povertà e disuguaglianze.
  • Supporto finanziario istituzionale alle crisi alimentari in contesti di emergenza e di crisi prolungata.

“L’aumento, per il quinto anno consecutivo, del numero di persone che vivono condizioni di grave insicurezza alimentare conferma l’enormità della sfida di raggiungere l’obiettivo ‘Fame Zero’ entro il 2030 – dichiara Simone Garroni, direttore di Azione contro la Fameoltre all’intensificarsi dei conflitti, delle disuguaglianze e della crisi climatica, che rappresentano le cause da rimuovere, la diminuzione dei finanziamenti umanitari e l’aumento dei costi rappresentano un’ulteriore minaccia, che ha già portato a una riduzione del numero delle persone aiutate e delle quantità di aiuti alimentari destinati alle popolazioni in condizioni di insicurezza alimentare.  La comunità internazionale deve agire con urgenza per evitare che milioni di persone muoiano di fame”.

I NUMERI DELLA CRISI ALIMENTARE

In 32 dei Paesi in condizione di crisi alimentare presi in esame, più di 36 milioni di bambini sotto i cinque anni soffrono di malnutrizione acuta, di cui quasi 10 milioni di malnutrizione acuta grave, che è la forma più letale e la principale causa di mortalità infantile. Il rapporto conferma anche che la malnutrizione colpisce le bambine e le donne in modo sproporzionato rispetto alla popolazione maschile, a ulteriore conferma che le disuguaglianze, incluse quelle di genere, sono esse stesse cause della fame.

Secondo il Report pubblicato oggi, nel 2023 guerre e conflitti sono stati la principale causa della fame. Rappresentano infatti il fattore predominante dell’insicurezza alimentare per 135 milioni di persone[1], in 20 dei Paesi esaminati.

Nel 2023, infatti, le crisi alimentari si sono intensificate in modo allarmante nelle aree colpite da conflitti o da situazioni di violenza interna, come ad esempio a Gaza e in Palestina, in Sudan, ad Haiti, dove Azione contro la Fame opera da molti anni.

  • A GAZA, il 50% delle persone è a rischio imminente di carestia. Le persone passano giorni e notti senza mangiare e l’81% delle famiglie non ha accesso ad acqua sicura e pulita. Gli attuali livelli di assistenza umanitaria non sono sufficienti. Azione contro la fame ha riferito che alcune persone mangiano mangimi per animali come fieno e paglia. “La situazione a Gaza è senza precedenti. Gli aiuti devono avere la priorità prima che muoiano altre persone”, ha dichiarato Natalia Anguera Ruiz, responsabile delle operazioni di Azione contro la Fame per il Medio Oriente.
  • In SUDAN, più di un anno di conflitto ha lasciato una persona su tre in condizioni di grave insicurezza alimentare, con cinque milioni di persone che si trovano ad affrontare livelli di emergenza di fame. “Il Sudan sta affrontando una delle più grandi crisi umanitarie del mondo”, ha dichiarato Samy Guessabi, direttore nazionale di Azione contro la Fame in Sudan. “Il conflitto ha costretto 8,2 milioni di persone a fuggire dalle loro case. Innumerevoli famiglie in tutto il Sudan, così come i rifugiati nei Paesi vicini, non hanno cibo e alloggio. Senza assistenza urgente e salvavita, molti potrebbero morire. Tuttavia, solo il 5% degli appelli è stato finanziato, lasciando che molti sudanesi si trovino ad affrontare un triste futuro”.
  • Ad HAITI, metà della popolazione, ovvero quasi cinque milioni di persone, si trova ad affrontare alti livelli di insicurezza alimentare, con 1,64 milioni di persone a un passo dalla carestia. “Settimane di violenza di gruppo hanno costretto centinaia di migliaia di famiglie ad abbandonare le loro case e hanno interrotto le importazioni. I mercati hanno limitato il cibo e l’inflazione dei prezzi ha portato a una disperazione estrema”, ha dichiarato Martine Villeneuve, direttore nazionale di Azione contro la Fame ad Haiti.
  •  

_____________

[1] Seguono le disuguaglianze e gli shock economici, principale driver della fame per oltre 75 milioni di persone, e i cambiamenti climatici, che rappresentano il fattore principale per 72 milioni di persone.

 

CHI È AZIONE CONTRO LA FAME | www.azionecontrolafame.it    

Azione contro la Fame è un’organizzazione umanitaria internazionale che crede che ogni persona ha diritto a una vita libera dalla fame.

Specialisti da oltre 40 anni, prevediamo fame e malnutrizione, ne curiamo gli effetti e preveniamo le cause.

Siamo in prima linea in 55 paesi del mondo per salvare la vita dei bambini malnutriti e rafforzare la resilienza delle famiglie con cibo, acqua, salute e formazione.

Guidiamo con determinazione la lotta globale alla fame, introducendo innovazioni che creano progresso, lavorando in collaborazione con le comunità locali, mobilitando persone e governi, per realizzare un cambiamento sostenibile. Ogni anno aiutiamo 28 milioni di persone.

 

[1] Seguono i cambiamenti climatici, principale driver della fame per oltre 75 milioni di persone, e le disuguaglianze che rappresentano il fattore principale per 72 milioni di persone.

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”