Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Teatro Oscar – centenario della morte di Matteotti – “Matteotti Medley”, documentario teatrale di Maurizio Donadoni – dal 21 al 24 marzo 2024

Teatro Oscar – centenario della morte di Matteotti – “Matteotti Medley”, documentario teatrale di Maurizio Donadoni – dal 21 al 24 marzo 2024
Marzo 15
18:15 2024

NEL CENTENARIO DELL’ASSASSINIO
DI GIACOMO MATTEOTTI
VA IN SCENA

“MATTEOTTI MEDLEY”
documentario teatrale scritto e interpretato da
Maurizio Donadoni

Teatro Oscar – Milano – dal 21 marzo al 24 marzo 2024

MATTEOTTI MEDLEY

di e con Maurizio Donadoni
regia Paolo Bignamini
scene e costumi degli studenti del Biennio di Scenografia dell’Accademia di Brera Eleonora Battisi, Gaia Bozzi, Hefrem Gioia, Martina Maria Pisoni, Giada Ratti, Valentina Silva, Alessia Soressi
coordinati da Edoardo Sanchi
consulenza musicale Paolo Meinardi
disegno luci Pietro Bailo
assistente alla regia Giulia Asselta
produzione Teatro de Gli Incamminati / DeSidera,
si ringraziano Matteo Bonanni e Maria Laura Palmeri

SINOSSI

Nel centenario dell’assassinio di Giacomo Matteotti, l’attore e autore Maurizio Donadoni riporta in scena il suo “Matteotti Medley”, un documentario teatrale in ricordo del deputato socialista rapito e ucciso dai fascisti il 10 giugno del 1924.
Cinque capitoli di un viaggio a ritroso nella vicenda storica, politica e umana del parlamentare socialista, che aprono nel contempo uno squarcio sull’Italia dell’epoca.
Rivolgendosi a dei giovani del tempo, Giacomo Matteotti aveva detto: “Ogni epoca ha avuto i suoi martiri, le sue vittime, gli inutili eroi che col loro sacrificio, hanno aperto gli occhi e la strada agli altri”. Di lì a pochi mesi, il 10 giugno del 1924, in un martedì cocente di sole, a Roma, sul lungotevere Arnaldo da Brescia, Matteotti venne rapito e ucciso da un gruppo di fascisti al comando di Amerigo Dùmini, detto “dodici omicidi”. Era una squadra della cosiddetta “Ceka fascista”, organismo segreto ma neppure tanto, voluto da Mussolini per mettere a tacere gli oppositori.
Per qualche tempo, in seguito all’ indignazione provocata nel paese dal delitto, il partito fascista sembrò sul punto di “sfasciarsi”. L’occasione, com’è noto, fu persa dalle opposizioni che, ritiratesi dal parlamento, furono disinnescate con abilità machiavellica da Mussolini, che poté impunemente dichiarare di assumersi tutta «la responsabilità politica, morale, storica» (dimenticò “penale”) di quanto era avvenuto.
Oggi una via, un corso, una piazza Giacomo Matteotti esistono in molte città d’ Italia. E se qualcuno vuole sapere come ci si arriva rispondiamo con facilità. Se però ci viene chiesto a bruciapelo chi era Giacomo Matteotti, pochi di noi saprebbero andare oltre un generico: “deputato socialista rapito e ucciso dai fascisti.
Che si sappia così poco della storia di questo “inutile eroe”, grazie al cui sacrificio, e a quello di tanti altri, oggi viviamo in libertà, è un peccato. Il suo rapimento ed assassinio fu uno snodo fondamentale nell’affermazione del regime totalitario in Italia.
Ma anche la vicenda umana di Matteotti, che con quella politica si intreccia inestricabile, è davvero interessante. A partire dal rapporto intenso e passionale con la moglie Velia; alle ore passate in casa ,in via Pisanelli 40, a giocare carponi sul pavimento, pazzo di gioia con Giancarlo, Matteo ed Isabella, i tre amatissimi figli; a quelle passate a spulciare bilanci dello Stato nella biblioteca parlamentare; alle incomprensioni con alcuni compagni di partito a causa del suo status di ricco borghese ( social milionario lo definiva Mussolini) ; all’attività sempre instancabile a favore dei contadini del natio Polesine; agli scontri , verbali e fisici, dentro e fuori la camera dei deputati con i fascisti; all’attaccamento per i due fratelli morti prematuramente, Silvio e Matteo, con cui giocava, a Fratta Polesine, nella bottega di “ferramenta e articoli vari” di mamma Elisabetta e papà Gerolamo.

Matteotti Medley ripercorre questa storia emblematica – epitome di italici vizi e italiche virtù – alternando il racconto dei nudi e (talvolta) crudissimi fatti, con icastiche citazioni da musiche popolari dell’epoca: dalle marcette squadriste, agli stornelli contro il Negus, dalle musiche da ballo alle canzoni d’amore diffuse dalla radio (che nell’ottobre del ‘24 cominciava le sue trasmissioni); agli esperimenti di quella musica colta d’avanguardia che, proprio nei primi del ‘900, era in cerca, con scandalo dei benpensanti, d’inaudite sonorità.
Narrazione d’un solo attore, ma a molteplici voci, che si espande in uno spazio scenico nitido, scarno e rigoroso: luogo dove il passato prende corpo attraverso corpo e voce dell’interprete; dove il racconto documentale si fa testimonianza funambolica tra grande storia e piccole storie. E dove ognuno di noi è chiamato a rispondere- come può o come deve- alla domanda: che valore ha, per noi, oggi, la democrazia?

Teatro Oscar
Orari: dal mercoledì al sabato ore 20:30 – domenica 16:00
Prezzi: Biglietto intero € 22,00
Biglietto ridotto € 16,00 (under 30, over 65)
Biglietto ridotto studenti € 10,00
Dove siamo: via Lattanzio, 58/A – 20137 Milano
Email: info@oscar-desidera.it
Sito: https://www.oscar-desidera.it/

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”