Notizie in Controluce

DIALETTI

 

Per entrare nel profondo di una cultura paesana, occorre capire i sentimenti della sua gente riguardo il paese natio.

La forma migliore con cui una persona esterna questi sentimenti è il dialetto, perché è il suono della gente comune, è la radice nel territorio. Gli fa avere coscienza di essere frammento della comunità in cui vive.

Il dialetto si presenta come una lingua vergine e connaturale, come lo ‘strumento musicale’ più appropriato per dare voce al proprio io.

In questa rubrica del Portale è riversata la raccolta completa dei testi in vernacolo scritti da alcuni poeti dei Castelli romani e prenestini e apparsi nel corso degli anni sulla rivista “Controluce”.

I dialetti utilizzati sono quelli di Colonna, Frascati, Genzano di Roma, Monte Compatri, Palestrina, Rocca di Papa, Rocca Priora, e Velletri.

Immergetevi in questi ‘racconti’ per ritrovare, con le parole di ‘una volta’, storie passate e viverle direttamente ricordando particolari e piccoli avvenimenti quasi obliati.

«In due modi, quando si è uomini di cultura, si può essere dialettali: o traducendo dalla lingua, giocando sull’effetto di novità che il trasporto può imprimere anche a un luogo comune, o ricorrendo al dialetto come a una lingua vera e propria, quando la lingua sia considerata insufficiente o impropria a un’aspirazione.

Il secondo caso è il più valido e il più interessante» ( Eugenio Montale)

   

Dialetti Colonna

Dialetti Frascati

Dialetti Genzano di Roma

Dialetti Monte Compatri

Dialetti Palestrina

Dialetti Rocca di Papa

Dialetti Rocca Priora

Dialetti Velletri

Archivio

Le Notizie per Data

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930