Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

CASTEL GANDOLFO PRESENTATO IL LIBRO CARA MAMMA CARO PAPA’… LETTERE DALL’ALBANIA 1940

CASTEL GANDOLFO PRESENTATO IL LIBRO CARA MAMMA CARO PAPA’… LETTERE DALL’ALBANIA 1940
Marzo 29
11:48 2023

L’incontro con l’autrice del libro “Cara mamma, caro papà…Lettere dall’Albania nel 1940” è avvenuto ieri 28 marzo nella Sala Consiliare “Marcello Costa” del Comune di Castel Gandolfo. Subito dopo i saluti istituzionali dell’ Assessore alla Cultura Francesca Barbacci Ambrogi e la lettura della relazione del prof. Aldo Onorati, a cura di Alfredo Piacentini, Rita Gatta ha catturato l’attenzione di tutti i presenti illustrando il suo ultimo lavoro., affiancata da Alfredo nella lettura di alcuni brani del libro e  con l’intermezzo musicale di Paolo Valbonesi.

Un testo di grande valore, storico e affettivo, che ripercorre con perizia un periodo buio del nostro Paese. Luigi Giansanti è un giovane soldato, partito nel gennaio del 1940 per il fronte greco – albanese e lì caduto il 16 novembre dello stesso anno. Le sue lettere alla famiglia di Rocca di Papa, conservate per anni in un cofanetto di legno e affidate alla scrittrice un paio d’anni fa, sono state da lei rilette con cura, trascritte e commentate nel libro presentato stasera.

Il paziente lavoro dell’autrice mette in luce la situazione storica del periodo in Italia e in Albania e la quotidianità precaria di Luigino, come sarà affettuosamente chiamato, che con i suoi amici commilitoni è chiamato a combattere una guerra sanguinosa e profondamente sbagliata. Ma esistono forse guerre giuste?

Nelle lettere di Luigino ai genitori e ai suoi familiari  si fa cenno alle esercitazioni militari e al desiderio di ritrovarsi con i suoi cari; vi è  qualche riferimento alle condizioni di vita e alla gente del posto. Il giovane soldato è ottimista e speranzoso, pieno di sollecitudine per la sua famiglia. Continuamente, scrive loro di non preoccuparsi: lui sta bene, i suoi superiori e gli altri ragazzi mostrano affetto nei suoi confronti ed è certo che presto ritornerà a casa in licenza. Ma saranno l’esercito e l’aviazione greca a fermarlo a Kani Delvinaki, dove Luigino morirà nei primi giorni di guerra nel novembre del ’40.

Un telegramma letto  tra la commozione dei presenti, informerà la famiglia della sua morte e soltanto nel 1954 i suoi parenti potranno dare sepoltura al loro amato figlio e fratello.

Il merito di Rita Gatta risiede non soltanto nella trascrizione delle lettere di Luigino e nel suo personale commento:   Rita accompagnerà il ragazzo fino all’ultimo giorno, standogli accanto, immaginando i suoi ultimi istanti, immedesimandosi in lui, nella convinzione che soltanto la memoria dei posteri potrà ridare giustizia al sacrificio di Luigi e di tanti, troppi ragazzi come lui caduti in guerra.

Oltre questo, che rappresenta l’anima del testo se vogliamo, vi sono minuziosamente descritti i luoghi e le vicende del periodo; le persone che hanno conosciuto Luigi e i componenti della sua famiglia. La ricerca e i dati trascritti dall’autrice, sono frutto di un lavoro certosino, come è stato descritto questa sera da alcuni intervenuti che ne hanno lodato l’intento e la bravura.

La commozione suscitata durante la proiezione e la lettura di alcune parti del testo  fanno riflettere e invitano a rendere onore a tutti coloro che hanno vissuto un periodo tanto doloroso e tragico, attraverso il ricordo e, si spera, la conoscenza di ciò che è avvenuto.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”