Notizie in Controluce

Le nano-biotecnologie 6/9: Sanità Pubblica, Sicurezza, Protezione dell’Ambiente e dei Consumatori

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

Le nano-biotecnologie 6/9: Sanità Pubblica, Sicurezza, Protezione dell’Ambiente e dei Consumatori

Le nano-biotecnologie 6/9: Sanità Pubblica, Sicurezza, Protezione dell’Ambiente e dei Consumatori
Settembre 13
08:32 2012

nanotecnologiePremesso che non è giustificato esaminare ‘globalmente’ il ‘rischio delle nano-biotecnologie’ quasi fossero una categoria omogenea, appare tuttavia evidente che le informazioni sugli effetti esercitati sulla materia vivente, cellule, tessuti; organi e organismi dai singoli tipi di dispositivi nano-tecnologici sono ancora fortemente carenti.

Tutte le applicazioni e gli usi delle Nano-particelle & Nano-tecnologie (N&N) devono rispettare l’elevato livello di sanità pubblica, di sicurezza, e protezione dei consumatori, dei lavoratori e dell’ambiente previsto dalle norme comunitarie. La presenza sul mercato di prodotti basati sulle N&N è in continuo aumento, favorita anche dal commercio elettronico, soggetto a meno controlli. Nella società contemporanea prevale la caratteristica (messa in evidenza anche dal Parere del principio di precauzione; 2004) della ‘accettazione del rischio’; rischio che dovrebbe comunque essere fortemente controllato oltre che dai tradizionali criteri e metodi della sperimentazione di base e, previa alle applicazioni biologiche e cliniche, anche da fattori educativi, monitoraggio di parametri sensibili, attribuzioni di responsabilità ai singoli, visione preventiva e non meramente repressiva dell’Autorità di controllo ecc.. Considerando che le particelle più piccole possiedono una superficie (re)attiva più ampia per unità di massa rispetto a quelle di dimensioni maggiori, la tossicità e i potenziali effetti sulla salute potrebbero aumentare. Il potenziale impatto delle nano-particelle sulla salute umana e sull’ambiente desta pertanto una certa preoccupazione. Troppo poco si conosce ancora sulla dinamica biologica fra organismo ed ‘ospite’ per consentire attendibili previsioni sulla reazione organica all’impiego di micro/nano-strutture artificiali proposte nel campo della medicina: ci si basa su ragionamenti per analogia, che restano episodiche e frammentarie a livello molecolare delle micro-particelle prodotte attualmente dalla società industriale e disversate nella biosfera. La valutazione dei rischi per quanto riguarda la salute umana, l’ambiente, i consumatori e i lavoratori dovrebbe essere integrata in modo responsabile in tutte le fasi del ciclo di vita della tecnologia, dalla progettazione, attraverso la Ricerca e Sviluppo (R&S), la produzione, distribuzione e l’utilizzo fino allo smaltimento o al riciclaggio. Occorrerebbe:
– effettuare adeguate valutazioni dei rischi ex ante ed elaborare in anticipo procedure di gestione dei rischi, prima di avviare, ad esempio, la produzione di massa di nano-materiali artificiali;
– incentrare l’attenzione sui prodotti che sono già sul mercato o stanno per esservi immessi, come i prodotti per la casa, i cosmetici, i pesticidi, i materiali destinati al contatto con i prodotti alimentari e i prodotti e i dispositivi medici.
Il piano d’azione europeo per l’ambiente e la salute 2004-2010 e la strategia comunitaria per la salute e la sicurezza sul posto di lavoro costituiscono la base per eventuali iniziative future.
Nella valutazione dei rischi associati alle nano-particelle, solo alcuni test convenzionali di tossicità ed eco-tossicità si sono rivelati utili, tenendo conto del fatto che, allo stato attuale, non sono disponibili dati scientifici in grado di identificare regole sistematiche sulle proprietà tossicologiche ed eco-tossicologiche dei prodotti delle nano-tecnologie. Gli studi sul comportamento biologico delle nano-particelle e sulla loro accumulazione nel metabolismo umano, nonché sulla loro specifica tossicità, sono ancora pochi; il maggior numero dei dati scientifici disponibili sulle risposte fisiologiche alle nano-particelle riguardano il sistema respiratorio. Poiché l’interazione delle nano-particelle con bio-molecole quali il DNA, il RNA o le proteine cresce con il decrescere della dimensione delle particelle considerate, secondo la SCENIHR, la valutazione del rischio dovrebbe essere effettuata caso per caso, con specifico riferimento alla capacità delle nano-particelle di influire su preesistenti quadri clinici o sull’aumento della predisposizione a determinate malattie. Corollario di quanto affermato è dunque la necessità di fondare i metodi di valutazione dei rischi tossicologici ed eco-tossicologici associati alla diffusione ed alla distribuzione delle nano-particelle su profili diversi dal ‘materiale equivalente’: la corretta valutazione dei rischi potenzialmente derivanti dai prodotti delle nano-tecnologie richiede quindi lo sviluppo di nuove strategie di indagine che tengano conto, anche in itinere, degli utilizzi previsti dei prodotti considerati e degli scenari di esposizione potenziale, sia umani sia ambientali.
Nano-persistenza. Per quanto riguarda le possibili interazioni tra le nano-particelle ed i sistemi viventi, la SCENIHR rileva che, se le nano-particelle interagiscono con i sistemi viventi in ragione delle loro dimensioni e proprietà, non può tuttavia escludersi che anche strutture più grandi (ad esempio i caratteri nano-topografici dei dispositivi medici) possano generare rischi specifici per la salute umana e per l’ambiente. Studi hanno dimostrato che le nano-particelle sono in grado di translocare dal loro punto di accesso nel corpo umano e raggiungere altre parti, compreso sangue e cervello. La portata e il significato di tale translocazione non sono chiari e pochi studi sono stati condotti in proposito; in particolare rimane incerto se le nano-particelle siano in grado di raggiungere il feto, anche se nelle applicazioni mediche che comportano, la somministrazione parenterale di nano-particelle, la distribuzione sistemica appare la più probabile. Allo stato attuale della ricerca, la prova della tossicità per l’uomo dell’esposizione sistemica alle nano-particelle prodotte intenzionalmente è minima: tuttavia, secondo la SCENIHR, le attuali linee guida sulla sperimentazione per l’identificazione e la caratterizzazione del rischio delle sostanze e dei prodotti chimici non richiedono ancora l’identificazione della distribuzione sistemica delle nano-particelle, nonostante l’esistenza di alcuni metodi potenzialmente idonei. Nella considerazione dei rischi specifici derivanti dalle nano-particelle, pertanto, c’è da tenere conto non solo della dimensione, ma anche della forma e della composizione, oltre che la carica di superficie assorbita; ugualmente significativi sono i fenomeni di modifica, aggregazione, dissoluzione o degradazione della superficie delle nano-particelle, da cui può derivare il rilascio di nano-particelle. Posto che le nano-particelle immediatamente solubili in ambiente fisiologico perdono le loro specifiche proprietà, è significativo verificare se esse si dissolvono o meno in molecole nocive. Riguardo alle nano-particelle essenzialmente insolubili, esiste una possibilità di bio-persistenza, derivante dall’esposizione di lungo termine e da specifici effetti associati alle nano-particelle. (segue…)

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento