Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Lettera a Pinocchio, doppo ave’ letto er libro de Fausto Gasperini

Lettera a Pinocchio, doppo ave’ letto er libro de Fausto Gasperini
Settembre 23
10:26 2023

Carissimo Pinocchio,

qualcuno ti ha messo in rima co’ l’emozione  che tradisce ‘na lacrima.   Eri  ‘n pezzo de legno strano,  ma quer qualcuno che t’ha preso per mano t’ha messo tra le pagine d’un libro in romanesco, tra quartine, terzine e rime alternate, baciate, ma soprattutto colorate!  Ma come se coloreno le rime??!

Eh, si sapessi! Ce stanno certe illustrazioni fatte co’ ‘na bella fantasia da un’artista speciale,  Daniela Murru…

E come se ‘ntitola ‘sto libbro?  L’avventure de Pinocchio – Poesie su ‘n burattino, Infinito Editore.   

Tu’ padre Geppetto pare ‘n intellettuale, con quello sguardo dolce, con i capelli spettinati… insomma quer falegname s’è modernizzato, mentre er poeta se domanna ‘ndo’nasce  la voja d’esse padre pe’ ‘n fijo che nun se sa come acchiappallo,  preoccupato pe’ tutto quello che vede attorno, tra gatti e volpi! Ma già da là l’amore s’espande e tra le pagine del libro, ecco brillà quella gioia d’esse padre pe’ caso…

E Geppetto mica è solo… Certo,  er Grillo poteva esse ‘n aiuto… ma come t’è venuto ‘nmente de schiacciallo?!   Tra le pagine er poeta ha fatto in tempo a salva’ pe’ tutti noi, quella voce silenziosa che ‘n s’azzitta manco si la smorzi: la coscenza che nun è un sentimento, nasce dall’esempio der vicino e mijora solo cor pentimento… da solo, subito, appena fatto er danno te sei accorto che il Grillo te mancava…  ma lo ritroverai, ‘n te preoccupa’… Collodi ha lasciato aperta la porta alla speranza e Gasperini je va dietro…

Come chi so’?  Ah Pino’,  ma che dormi?!  So’ lo scrittore che t’ha ‘nventato parecchio tempo fa e er poeta che t’ha regalato sta bella confezione ‘n poesia.

Ma ‘n famme perde tempo, annamo avanti!

Che delusione scoccia’ ‘n ovo e trova’ ‘n purcino: brutta bestia la fame e quella sensazione di sconfitta quanno er sogno, proprio ner momento der bisogno co’ ‘n attimo vola: come successe a Dorando Giannasi che  casco’ ar traguardo, poveretto, ma è passato alla storia e nun è poco.

E pure tu caschi, Pinocchio mio, combini pasticci anche se ‘ntenerisci er core de tutti noi, ma soprattutto a Magnafoco che ‘n po’ esse cattivo e malvagio: Daniela l’ha fatto soridente, cià no sguardo bono e er poeta t’ammonisce capita sempre spesso che li boni sembrano cattivi, … ma è la vita ch’è ‘n continuo recita’ e resti così anche se conosci la moralità.

E mannaggia la paletta, tanta ingenuità e voja d’esse granne: te sei fatto infinocchia’ da quei due marpioni patentati che poi ner monno se so’ mortipricati: er Gatto e la Volpe… dice bene er poeta: Ma se ar monno ce stanno li malandrini, è perché ce so’ come Pinocchio li citrulli (beccate questa!), che se credeno da esse forti e bulli, co’ la voja de fa’ facirmente li quatrini… e non so’ soli, trovano compari,  come l’Oste che s’è arraffato la moneta…

Lo so che te dispiace, stai sempre ‘n mezzo a li guai: meno male che ciai vicino quarcuno de speciale… ecco la Fata che ner silenzio te segue da lontano… se trasforma, sembra che non c’è e ner bisogno è lì pronta co’ la mano e non è sola…  certo li Medici esperti d’incertezza fanno capi’ che a vorte non c’è via de scampo: amara che sia la medicina… nun c’era soluzione, o quella o l’illusione, er guari’ se ne va in caciara.

Caro Pinocchio mio, ma te pare che dovevi proprio da’ retta a quer bulletto  dallo sguardo che Daniela ha fatto bello chiaro: occhi sottili de chi te sta’ a ‘mbroja’, de chi te vo’ fa crede ch’er Paese dei Balocchi sia ‘na vera meravija… eh, me l’immagino la meraviglia  quanno ve sete svejati co’ le recchie, diventati asini co’ poche ore e Lucignolo restò co’ le petecchie… la sofferenza co’ li denti stretti … e ha rajato mille e  tante vorte:  tempo dopo, quanno l’hai riconosciuto te sei asciugato er viso… e pure noi…

Tu ‘nvece de l’asino farai er cane ar posto de Melampo… ma la bella azione la compi quando, liberato dar padrone … j’hai lassato er ricordo de un cane fedele e un altro ne hai salvato che stava lì pe’ lì a mori’ affogato; lui ricambia liberandote dalla morte in padella, mentre er poeta commenta ch’è ‘na gran cosa la riconoscenza, nun ricordasse der bene è  ’n’indecenza…

Sognare di volare…  Daniela t’ha messo sur piccione: bello sorridi, l’abbracci e   volate tra l’azzurro del cielo e le verdi montagne… si lascia andare pure il poeta quando scrive che volava anche lui e … lasciavo giù tutte quele paure che sentivo ne le notti scure … vedevo su un monte, un fiume, er tramonto cor celo rosso… la realtà diventa poesia.

La stessa che ci fa riflettere sul bullismo che accartoccia l’anima della vittima; sulla pazienza della Ciammaruca,  virtù che tiè lontana l’ira; sul diffidare dal viscidume de l’Omino di burro che te ruba l’anima e po’ er core e sulla  consapevolezza che la voja de vive nun t’abbandona co’ n regazzino che te vole bene, rivivi la giovinezza senza le pene e a Pinocchio tutto se perdona.

Te lascia er poeta cantanno la tua fine quando scoprirai l’amore, ma ner cuore resta la voja de ricordatte de legno, perché a vedette regazzino,  viè da di’ addio ar sogno, se torna alla realtà…  

Ma la fantasia ch’è na scintilla…  grazie a ste rime, pe’ tutti ancora brilla!                Rita

Articoli Simili

4 Commenti

  1. Fausto Gasperini
    Fausto Gasperini Settembre 23, 14:26

    Grazie e complimenti Rita per la fantasiosa e originale recensione.
    Un grazie anche alla redazione di Controluce.it

    Reply to this comment
  2. maria lanciotti
    maria lanciotti Settembre 23, 11:27

    una favola nella favola!

    Reply to this comment

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”