Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Monte Porzio Catone: SPEDIAMO LA PACE e-stendiamola nel mondo

Monte Porzio Catone: SPEDIAMO LA PACE e-stendiamola nel mondo
Maggio 31
20:01 2024

Giocare alla guerra è il “privilegio” di chi non la conosce:  i bambini che la vivono tra bombe, mortai, esplosioni, morti e feriti non giocano alla guerra, sognano la pace. Quattro semplici lettere la P di pane, papà, povertà, pianto, perdono…; la A di amore, angoscia, altalena, armonia, arcobaleno…; la C di celeste, cielo, cicatrice, ciliegia, carezza…; la E di elemosina,  erba, elmo, eco, entusiasmo…

Parole a caso: la  P A C E  è forse il dono più grande che il genere umano dovrebbe donare e ricevere…eppure da quando esiste il mondo si parla, si studiano, si scrivono e si combattono guerre, conflitti, battaglie, bombardamenti.

Eppure si nasce alla vita: il primo attimo è un respiro ch’è vagito, e l’accoglienza tra calde e amorevoli braccia, il tepore del corpo materno, il battito del cuore della mamma: tutte queste benedizioni iniziali dovrebbero fermare l’attimo e trasformare ogni essere vivente in portatore sano di pace.   Ebbene i bambini lo sono e in loro vanno curati e innaffiati semi di armonia, gentilezza, tolleranza, aiuto, accoglienza, pazienza e solidarietà, empatia…

Dove, meglio della famiglia e della scuola possiamo far crescere questi germogli che sbocciano alla vita e all’amore?  A Monte Porzio Catone questa mattina del 31 maggio, gli alunni e tutte le insegnanti e gli insegnanti dell’Istituto Comprensivo Don Lorenzo Milani M. Porzio Catone – Colonna hanno fatto germogliare semi di pace con la voce della poesia, la tonalità dei colori, la freschezza dei loro pensieri e il profumo delle idee stesi su un filo accarezzato dal vento: ciascuno con la propria t-shirt bianca o nera sulle quali si sono aperte corolle di fiori dai mille colori; hanno cantato e sottolineato con il linguaggio dei segni le parole dei loro canti; un’unica voce volata verso il cielo, tra le nuvole che hanno fatto filtrare i raggi del sole;  hanno imbucato innumerevoli cartoline con il simbolo della pace inviate a loro coetanei di altri paesi: su ciascuna un granello di speranza…

Affollata Piazza Borghese, principale balcone d’accoglienza della cittadina laziale e la voce delle Autorità hanno lodato e sottolineato l’importanza dell’iniziativa: la Dirigente scolastica Fabiola Tota, il Sindaco Massimo Pulcini, Padre Mario Longoni, Paolo Lanzi, alunno di Don Milani e  ciascuno ha messo in evidenza la valenza della Pace, del dialogo, della convivenza, dell’empatia e  reciproco aiuto in un obiettivo comune;  la riflessione su quei sentimenti malevoli come l’invidia e l’egoismo, erbacce da estirpare per far sì che germoglino cooperazione e tolleranza; e l’importanza di quel motto tanto caro al sacerdote di Barbiana che campeggiava sulla sua povera scuola,  quell’I care  che incatena al cuore quanto di più valevole  e prezioso possa essere estrapolato e messo nel forziere del futuro di ogni piccolo cittadino di oggi, donne e uomini del domani.  Mi sta a cuore… dovrebbero i potenti ascoltare le loro voci, i loro canti, gli schiamazzi, le burla, le risa, giammai il pianto…  I care… ciascuno pensi e doni a ogni cucciolo vicino un futuro,  la possibilità di viverlo, trasmettendo alle future generazioni speranza e solidarietà.

I care, mi preme… un unico soffio comune: la Pace.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”