Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

L’OSTRACISMO A GIUSEPPE CHIARUCCI

L’OSTRACISMO A GIUSEPPE CHIARUCCI
Dicembre 08
16:55 2023

Il Museo civico di Albano Laziale festeggia i 50 anni dalla sua fondazione. E’ risaputo che, se tale istituzione culturale è stata creata e si è sviluppata nel tempo, è soprattutto merito del dott. Giuseppe Chiarucci, illustre archeologo e suo direttore fino al pensionamento.

La sua poliedrica attività, come funzionario del Comune, archeologo, ricercatore, docente, è ampiamente riconosciuta non soltanto in città, ma anche a livello nazionale e internazionale.

Quasi un anno fa cento cittadini albanensi, tra cui ex sindaci e assessori, dipendenti comunali, rappresentanti della vita culturale locale, allievi e collaboratori del dott. Chiarucci, cittadini che hanno avuto l’opportunità di conoscerlo e apprezzarlo, hanno proposto al sindaco di conferire al dott. Chiarucci la cittadinanza onoraria. La proposta non ha ricevuto alcun riscontro finché, dopo vari mesi e ben sette solleciti (scritti e protocollati) il sindaco ha risposto dicendo che la proposta sarebbe stata vagliata, ma nulla è avvenuto.

Visto l’assordante silenzio dell’amministrazione comunale di Albano, i firmatari della richiesta non si sono persi d’animo e hanno organizzato un ricevimento in cui, alla presenza del novello arbanese, hanno conferito al dott. Giuseppe Chiarucci la cittadinanza onoraria simbolica – della serie “se non lo fanno le istituzioni ci riprendiamo la delega e ce lo facciamo da soli”. Di fronte all’inazione della pubblica amministrazione, i cittadini si riappropriano delle funzioni a essa delegate, evidenziando un preoccupante malfunzionamento della democrazia.

Dopo la dipartita del dott. Chiarucci i cento richiedenti si sono di nuovo rivolti al sindaco per conoscere quale forma di riconoscimento l’amministrazione intendeva tributare all’illustre dipendente comunale. Di nuovo silenzio.

La celebrazione del Cinquantennale del Museo era l’occasione adatta. Ancora una volta i proponenti si sono rivolti al sindaco per introdurre nel programma un adeguato spazio per ricordare il contributo del dott. Chiarucci, insieme a tantissimi altri, tra cui Alfonso Pacetti, Aldo Tomarelli, Trieste Modugno, Vincenzo Lolli, Gianni Dolfi, Silvano Petrocchi, la dott.sa Tamara Gizzi, moglie di Chiarucci e curatrice del Museo.

Nel programma del Cinquantennale il nome di Chiarucci non compare.

La Costituzione (art. 54) prevede che chi svolge funzioni pubbliche deve comportarsi con disciplina e onore. Uno dei doveri degli eletti è quello di dialogare con i cittadini (elettori) ma, nel caso della richiesta di cento cittadini, tale dovere non è stato assolto: il sindaco doveva dare una risposta, anche nel senso del rigetto della proposta, come fanno quotidianamente tutti i dipendenti comunali e come fa lui stesso allorché i cittadini chiedono un appuntamento.

Tale atteggiamento è difficile da giustificare e sarebbe dunque opportuno conoscerne le motivazioni: forse per qualche ignoto motivo gli eletti – democraticamente – di Albano Laziale ritengono che alcuni cittadini siano diversi dagli altri; forse vi è stato un convegno riservato, inconfessabile e inconfessato, che ha deciso di comminare l’ostracismo perenne (o forse addirittura la damnatio memoriae) al dott. Chiarucci.

L’occasione per avere una risposta a tali interrogativi sarà la giornata del 16 dicembre 2023, allorché il tema sarà posto anche se non previsto dal programma dei lavori del Cinquantennale del Museo di Albano Laziale.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”